In pubblicazione il 19 GEN 2020

Freddo invernale.  Probabile altra ondata a fine mese, proprio nei “giorni della merla”

Sarà l’ondata sognata e lungamente attesa da freddofili e nivofili?


Fonte Immagine: weatheronline

 

L’ondata di freddo in atto soprattutto sulle regioni adriatiche, sta portando, come avevamo previsto già 10 giorni fa, POCHI fenomeni invernali di rilievo:

  • Nevicate non in pianura ma solo sollevamento forzato (stau) dell’aria fredda da Est o Nordest su Dolomiti, Alpi orientali, versante adriatico o dell’Appennino; ma nevicate  comunque molto deboli perché l’aria fredda può contenere poco vapore;
  • Oltre alle nevicate, è giunto dai Balcani anche un po’ di freddo ma solo là dove adesso soffiano venti tra nord ed Est superiori a 5-10 km/ora.

Poi dal 22 al 24 alta pressione su tutta l’Italia (prima Anticiclone delle Azzorre e poi quello africano) con il consueto copione: bel tempo, gelate, nebbie e inquinamento al Centronord, temperature massime in rialzo e al di sopra della media.

Tra il 25 e i 26  gennaio passa una debole mite  perturbazione atlantica che porterà piogge al Centronord ma che farà da apripista ad una seconda perturbazione che  il  29 gennaio dovrebbe raggiungere i Balcani e da qui il Nord Italia.

 

Sermata%202020-01-19%20alle%2017_13_19.jpg

 

Ad oggi la nuova ondata di freddo si configura  anch’essa modesta in termini di effetti invernali.


In effetti non sarà, a nostro avviso, la tanto attesa ondata di aria artica innescata da uno sloggiamento verso l’Europa (splitting) del gelido vortice polare al di là del circolo polare, ad opera di un anticiclone subtropicale.

Infatti tali irruzioni di ara super gelida  sono sempre preannunciati, 7-10 giorni prima, da un tipico un forte surriscaldamento o Stratwarming ( +20-30 gradi) della stratosfera polare, (quota barica tra 70 e 10 hPa, a quote tra 15 e 30 km). Il riscaldamento  è sempre provocato dall’arrivo cuore caldo degli anticicloni subtropicali che riescono a penetrare entro il circolo polare.

Conclusioni

Ma almeno nei prossimi 10 giorni non è previsto alcun riscaldamento della stratosfera polare per cui il vortice polare rimarrà ben saldo nella sua naturale sede.

Schermata%202020-01-19%20alle%2016_57_42.jpg

Quindi almeno fino alla fine del mese di gennaio, non è prevista un forte ondata di freddo. Al più verrà un’ondata debole e sterile come quella in atto.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

17 FEB
Un'altra perturbazione favorirà un nuovo peggioramento del tempo, con le piogge che questa volta si spingeranno anche al Centrosud
17 FEB
Nella Rete le notizie terroristiche attirano soprattutto i “creduloni”
Come è aumentato il caldo estivo nel mondo
16 FEB
Una previsione con elevata affidabilità.  Occhio al meteoterrorismo!
15 FEB
Nuova perturbazione in arrivo a inizio settimana, con effetti concentrati più che altro sulle regioni settentrionali
17 FEB
Come nascono i cicloni atlantici violenti- A cura di Roberto Nanni
16 FEB
Caratterizza la circolazione atmosferica a livello emisferico e spesso diventa protagonista delle vicende meteo invernali
13 FEB
Il giorno 10 Febbraio un aereo della British Airways ha raggiunto la velocità più alta mai registrata per un Boeing
13 FEB
Le temperature più basse mai registrate strumentalmente nel nostro Paese sono davvero da brividi