In pubblicazione il 30 DIC 2019

Galaverna martedì mattina 31 dicembre sul Nord Italia

Un mixing di nebbia e gelo. Non va cnfusa nè con la brina nè con il gelicidio


Fonte Immagine: pinterest.com

La perturbazione Nord atlantica giunta  il 28 e il 29 dicembre sull’Italia con il suo carico di aria polare, ha ormai abbandonato la penisola.


 Sull’Italia si è pertanto di nuovo allungato l’anticiclone delle Azzorre con conseguente ritorno  bel tempo,  serenità del cielo, scarsa ventilazione, tutte condizioni che saranno più probabili  sul Nord Italia. .Ma queste sono le situazioni ambientali ottimali in invento perché di notte le temperature scendano sotto zero sul Nord Italia e, nello stesso tempo,  si formino nebbie in Val Padana.


 E in effetti queste sono le condizioni previste in pianura su gran parte delle regioni settentrionali martedì 31 dicembre.

 

outw6-19.jpg

 

outw6-20.jpg

 

Ma nelle nebbie a temperature sotto zero, come quelle previste per  il 31 dicembre, per il fenomeno della sopraffusione coesistono cristalli di ghiaccio e goccioline allo stato liquido.

Si comprende che  tali goccioline - che restano liquide nonostante le  temperature  siano sotto zero - sono in un equilibrio di stato molto precario. Infatti basta il contatto con gli oggetti al suolo, specie gli alberi, perché congelino all’istante sui rami.

Ecco perché In questi caso gli alberi assumano una bella  veste bianca.

Questo è il fenomeno della Galaverna la quale non va confuso né con la bine brina con il gelicidio



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

8 AGO
Settimana calda, con qualche disturbo (e temporali anche forti) tra mercoledì sera e giovedì mattina.
6 AGO
Come sarà il weekend al Centro-Nord? Farà caldo? Sarà il clima ideale per mare, lago o montagna?
6 AGO
Vediamo insieme che tipo di tempo ci aspetta per il nostro Meridione: weekend da mare o no? Le risposte
7 AGO
La Nina potrebbe portare importanti conseguenze a livello globale. Quali? E in Italia? Le risposte nell'articolo.
7 AGO
L’aumento degli eventi estremi coinvolgerà gran parte del Pianeta, ma con alcune importanti eccezioni
6 AGO
L’analisi climatica del mese passato conferma l’anomalia rispetto alle più recenti estati