In pubblicazione il 10 GEN 2019

Giorni perturbati con nevicate al Centro anche in pianura, in collina al Sud

Correnti d’aria gelida discendono sull’Europa centrale e, aggirando l’arco alpino dai settori orientali, si gettano sull'Italia passando dai Balcani


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Correnti d’aria gelida discendono sull’Europa centrale e, aggirando l’arco alpino dai settori orientali, si gettano sull'Italia passando dai Balcani. 

Venti molto freddi interesseranno quindi tutto lo stivale durante queste ore, con la “solita” dinamica già vista e rivista nell’ultimo periodo: piogge e nevicate a quote basse sulle regioni centrali adriatiche e al Sud.

L’assetto barico risulta quindi bloccato su gran parte del continente, con una vasta area anticiclonica con valori di geopotenziali davvero impressionanti sul Regno Unito; dall’altra parte regna invece un’area depressionaria quasi permanente sui Balcani.

L’alta pressione ricopre oltretutto anche la parte di Atlantico nei pressidell’Islanda, ovvero quella zona ove dovrebbero prendere vita le depressioni oceaniche che regolano il flusso di perturbazioni in Europa. Oltre a dissipare ogni tentativo di approfondimento dei vortice instabili, non permette ai fronti umidi atlantici di evolvere verso i settori orientali.

I pochi che riescono nell’impresa scivolano velocemente verso le aree centrali europee, ove portano abbondanti nevicate sui versanti settentrionali dell’arco alpino (oltre 2 metri di neve caduti su Svizzera e Austria negli ultimi 3-4 giorni) e sui Balcani, ma dall’altra parte attivano conseguenti episodi di föhn sulle aree meridionali e siccità su Francia, Spagna e Italia settentrionale.

Evoluzione meteo per i prossimi giorni

Il vortice di bassa pressione che avvolge ancora la nostra Penisola nelle prossime ore porterà maltempo tipicamente invernale soprattutto sul versante adriatico e al Sud, ove nevicherà fino a quote molto basse su Marche, Abruzzo e Molise, con i fiocchi che arriveranno a sfiorare le coste, favoriti da un ulteriore abbassamento delle temperature che, complici anche gli intensi venti settentrionali che spazzeranno il Centro-Sud, renderanno il freddo pungente.

La neve raggiungerà anche Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, ma a quote più alte - generalmente al di sopra di 500-800 metri. 


Situazione che rimarrà invariata fino al weekend, con ulteriori piogge infatti su Abruzzo, Molise, Puglia, Calabria e isole maggiori. Le nevicate nel versante adriatico sfioreranno nuovamente le linee di costa, mentre in Calabria, Sicilia e Sardegna la neve imbiancherà i rilievi fino a quote collinari.

Al Nord Italia il quadro continuerà a mostrarsi prettamente stabile con fitti banchi di nebbia ed estese gelate lungo la Val Padana, anche forti nei momenti di calma di vento. Le temperature più basse si raggiungeranno comunque alle porte del fine settimana, quando il tempo migliorerà anche su adriatiche e Sud.

Tra sabato e domenica le precipitazioni andranno difatti gradualmente attenuandosi grazie all'alta pressione delle Azzorre che si abbasserà di latitudine, ora distesa verso nord in direzione dell'Islanda.

Il flusso di correnti artiche verrà interrotto ed al suo posto torneranno venti più umidi e temperati dai quadranti occidentali che riporteranno un po' d'instabilità nell’ultimo giorno della settimana sui versanti tirrenici, ma con temperature progressivamente in ripresa.

Novità dopo il 20 gennaio

L’estensione dell'alta pressione garantirà una temporanea parentesi di bel tempo, anche se tuttavia spifferi d’aria dai quadranti settentrionali manterranno sempre un quadro termico dai connotati invernali.

Analizzando le ultime emissioni modellistiche, attorno al 20 gennaio la situazione potrebbe cambiare nuovamente con l’anticiclone delle Azzorre in elevazione ancora una volta verso sull'Europa occidentale, una posizione che garantirà flussi freddi verso i settori meridionali del continente. Sull'Italia? 

Approfondimento del nostro colonnello Mario Giuliacci:  Neve sul Nord Italia dopo il 20 gennaio



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

16 GEN
Correnti Atlantiche tornano progressivamente a fluire sul Mediterraneo
Correnti a 5500m tra il 20 e il 23 gennaio
15 GEN
Le proiezioni odierne confermano la nostre ripetute previsioni al riguardo
14 GEN
L'alta pressione delle Azzorre prenderà il comando della Penisola. Solo una breve parentesi (per il Centro Sud)
14 GEN
Ulteriore rinforzo dei venti dai quadranti settentrionali, anche sui settori adriatici meridionali e lungo i restanti settori ionici
15 GEN
Forte scossa di terremoto avvertita dalla popolazione. Gente in strada su tutta la costa Romagnola
Raffiche di vento in km/ora il 14 gennaio
14 GEN
E' giunto il Foehn in Val Padana