In pubblicazione il 14 FEB 2019

Interferenze più fredde al Centro Sud; stabile e bello al Nord

L’evoluzione in quattro distinte fasi fino al 23 febbraio. Periodo poco dinamico


Fonte Immagine: WXCHARTS

 

Un nucleo di aria fredda in arrivo dal nord Europa si appresta a raggiungere la Penisola Italiana dalla porta Balcanica. Un flusso che si riverserà sulle regioni del Medio e Basso Adriatico, producendo comunque modeste riflessioni sul quadro meteorologico di queste aree. 

Avremo quindi deboli ed intermittenti fenomeni su Puglia, Calabria, Sicilia settentrionale, con qualche fiocco di neve fino a quote molto basse sulle colline di Abruzzo, Molise, Calabria e Nebrodi. 

Continuerà invece il bel tempo con ampi spazi sereni sul resto dell'Italia, ma con un po’ di freddo e possibili estese gelate di notte ed al primo mattino nella parte centrale della Val Padana e sulle aree interne del Centro Sud, grazie alle interferenze dei venti gelidi nord orientali in arrivo dai Balcani.

Fino al 23 febbraio l'anticiclone nordafricano dominerà il tempo su gran parte dell’Europa centro occidentale e sul Mediterraneo, intervallato di tanto in tanto da blande aree depressionarie. 

Sostanzialmente si tratterà di sterili ondate di freddo, in particolare sotto l’aspetto pluviometrico,  pertanto si aggraverà la siccità su molte regioni dell’Italia, soprattutto sulle aree nord occidentali. Poche novità quindi sulle proiezioni a lungo termine, con la quasi totale assenza di piogge significative fino alla fine del mese. 

Evoluzione


Possiamo individuare quattro distinti periodi: il primo, tra il 15 e il 16 di febbraio, è appunto previsto l’arrivo di un nucleo d'aria fredda sui Balcani in discesa dal nord Europa, che porterà un po’ di freddo sulle regioni meridionali. Possibili deboli e locali fenomeni sulla Puglia, sulla Calabria, sulla Sicilia settentrionale, con deboli nevicate su Abruzzo, Molise, Lucania, Calabria e Nebrodi. 

Nella seconda fase, tra il 17 ed il 19 di febbraio, l’anticiclone nordafricano ritornerà completamente ad abbracciare la Penisola, ancora bel tempo quindi su tutta l'Italia e temperature al di sopra della media; durante questa parentesi non sono previste gelate significative. 

La terza fase, tra il 20 e il 21 di febbraio, verrà movimentata da una perturbazione Atlantica in movimento dal sud della Spagna verso il Mediterraneo che, portandosi sul nord Africa, interesserà successivamente in forma del tutto marginale le Isole Maggiori con qualche debole pioggia; questo vortice ciclonico richiamerà da Balcani correnti più fresche che produrranno una flessione termica soprattutto sulle regioni Adriatiche e Meridionali, anche se le temperature resteranno complessivamente ancora al di sopra della media. 

Nella quarta ed ultima fase, tra il 22 e il 23 di febbraio, arriverà un nucleo di aria fredda piuttosto intenso dai Balcani e si riverserà sui settori Adriatici, in parziale estensione a gran parte del Territorio, rimarranno più ai margini le estreme regioni nord occidentali, la Toscana ed il Lazio, sostanzialmente riparate da questa ondata di freddo. 

Sono previste al momento solo deboli piogge sulle regioni meridionali e possibili fioccate fino a quote piuttosto basse su Abruzzo, Molise, e rilievi della Sila, temperature in linea o lievemente inferiori alla media su gran parte dell'Italia, gelate sulle regioni settentrionali e soprattutto lungo la parte centrale della Val Padana.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

24 GIU
Temperature massime 37-38 gradi al Centronord, specie su Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, basso Veneto, Toscana, Umbria, Lazio e Puglia
24 GIU
45 gradi a Madrid, 42 a Bordeaux, 40 a Parigi, 36 ad Amsterdam e perfino 35 gradi a Londra
24 GIU
L'ansia "anticipatoria" simile all'ansia da "precipizio". Come ridurre la “paura del caldo” estivo
24 GIU
I segnali di allarme, come intervenire, la prevenzione
24 GIU
Città allagata a causa di un super temporale
Satellite ore 20.00
22 GIU
In spostamento dalla Romagna verso le Marche
22 GIU
Massime oltre 29 gradi al Sud, Isole e Lazio. Caldo tra 34 e 38 gradi al Sud