In pubblicazione il 20 DIC 2020

Inverno 2020: ondata di aria polare tra 25-26 dicembre

 Evento preannunciato da un  surriscaldamento della stratosfera polare


Fonte Immagine: CPC NOAA

Nella stratosfera  del circolo polare artico (tra 20 e 50 km) i modelli prevedono  per Natale un forte riscaldamento nei prossimi 10 giorni (immagine di copertina). Un fenomeno noto come stratwarming (stratospheric Warming)


Vale la pena di approfondire questo evento straordinario del presente inverno sia perché lo Stratwarming  è il fenomeno che scatena le ondate di freddo più intense in inverno alle medio-basse latitudini,  o sul continente americano o, seppur più raramente, sul continente europeo


Collegamento tra Stratwarming e irruzioni di aria polare o artica

Lo stratwarming ha serie ripercussioni sul Vortice polare (VP), quel vasto e compatto lago di aria molto gelida, confinato entro il circolo polare, esteso dal suolo ai limiti dell’atmosfera e animato con rotazione da est verso ovest sul lato europeo (rotazione ciclonica). Insomma, il VP è un supergelido  ciclone posizionato entro il circolo polare. Le temperature intorno 30-40 gradi sotto zero al livello del mare e intorno 7'0-80 gradi sotto zero intorno 30-40 km  rendono così densa l’aria che il VP si comporta come un muro impenetrabile  in genere ai numerosi tentativo di intrusione da parte di masse d'aria più tiepide  aria provenienti  da più basse latitudini.

Solo i forti eventi di stratwarming (in media 2/3 in un inverno), riescono a sloggiare il VP dal circolo polare

Se il riscaldamento della stratosfera avviene in appena 7-10 giorni ed superiore a 20 °C,  allora sta ad indicare che entro il circolo polare  è riuscito ad insinuarsi un vasto anticiclone dalla fascia subtropicale e come tale a cuore caldo ed esteso a tutte le quote – e  quindi fino tra 20 e 30 km di altezza - con conseguente sostituzione del vasto ciclone freddo del vortice polare  stratosferico (VPS) e gradualmente anche i VP anche sotto i. 10 km  Gli anticicloni  di solito si spingono con un. promontorio  (promontorio dell’onda lunga di Rossby)  verso il polo Nord o dal Pacifico orientale (ove è più facile  l'irrobustimento a seguito della saldatura con l'anticiclone stagionale canadese) o dall’allungamento di un promontorio  dell'anticiclone delle Azzorre verso 'Atlantico settentrionale  fino al mar del Nord o ( perché qui può essere più  facilmente rinforzato dall'anticiclone stagionale russo) .

Probabile Split del Vortice polare verso l’Europa centro-meridionale tra 25 e 30 dicembre

Se è l’anticiclone per Pacifico ( il cugino dell’anticiclone atlantico delle Azzorre)  ad invadere  l’area polare,  allora il VP è costretto ad uscire dal circolo polare  (split del vortice polare),  sul lato europeo.

Questo appunto ciò che previsto che avvenga a Nate e dintorni

Immagine sotto evidenzia la posizione del vortice polare stratosferico  sulla base della sua ”quantità” di rotazione in verso antiorario (vorticità positiva)

ecmwfpv475f144.jpg

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

9 MAG
I modelli continuano a confermare l'importante fase instabile da stasera...a tempo indeterminato!
8 MAG
Non si intravede alcun tipo di stabilità, ma anzi il maltempo ci interesserà a lungo!
7 MAG
Sesto anno consecutivo con questa previsione pre-estiva, mai poi avveratasi
7 MAG
Il clima del recente passato ancora la migliore previsione per il clima del futuro prossimo
3 MAG
Colpa di un calo del vento solare. Ma chi sono costoro? E perché sono un minaccia per la vita
29 APR
Ecco alcune storiche stravaganze...
29 APR
Come previsto le temperature sono salite fino a far registrare valori di diversi gradi oltre la norma