In pubblicazione il 23 DIC 2021

Inverno finito? In arrivo aria atlantica prima mite, poi calda

Il nostro parere. Perché insisteremo con previ fino 8-10 giorni


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Dicembre 2021 partito sotto freddi auspici

Ogni anno tutti speriamo in un bianco Natale, visto che la neve renerebbe magica la festività, tanto che compare ovunque negli addobbi natalizi e sull’albero di Natale. In effetti, quest’anno, complice la presenza della Niña, il mese di dicembre prometteva bene tanto che i bollettini meteo hanno previsto con successo, fino con 8-10 giorni di anticipo le numerose ondate di freddo, poi verificatesi, anche se relegate solo al Centronord. E, per di più, la nave ha fatto la sua comparsa anche in pianura n l’8 dicembre sul Nord Italia.


Ma poi la cocente delusione

Insomma, dicembre prometteva di essere freddo e fevoso fino alla fine del mese. Tanto che per 2-3 giorni, tra il 15 il 16 di dicembre, i modelli prevedevano addirittura un’ondata di freddo siberiano proprio per Natale e dintorni. Ma poi tra i 17 e il 18 dicembre, i modelli hanno fatto un brusco dietrofront, annullando la prospettiva di correnti fredde sotto le festività e, anzi, prevedendo l’arrivo di miti correnti medio-atlantiche e poi addirittura per fine mese l’aria di aria più che mite dall’Atlantico subtropicale.


Ma allora le previ fino a 8-10 giorni non sono affidabili?

 Se per affidabile intendiamo una probabilità di successo almeno dell’80%, allora bisognerebbe non spingersi oltre 7 giorni. Se ci accontentiamo di una probabilità di successo del 65-70%, allora ci si può spingere fin 8-10 giorni. Un’affidabilità del 65/70 % significa che il meteorologo sbaglierà 1 previsione su 3.  Ossia accetta questo rischio, perché è più probabile “azzeccare” che “sbagliare”. Purtroppo, nel caso delle Festività Natalizie, la previ emessa tra i 15 e il 16 dicembre era proprio quel caso di…  una previ errata su 3. Ma questo non significa che previ fino 8-10 giorni non hanno senso né si deve pretendere che sotto le Festività il meteorologo sia…più preciso, come se nel resto dell’anno fosse… più trascurato!

80(1).jpg

Ma l’inverno - inteso come freddo, gelo e neve - non è finito

Non ne siamo certi (le previisoni per definizioni non so no "certezze"!) ma abbiamo buoni motivi per ritenere che gennaio ci riserverà almeno 2-3 fredde soprese, come avvenne un anno fa. Perché citiamo gennaio 2021? Perché era presente la Niña, la quale agevola le irruzioni di aria polare. Nei 12 eventi verdicatesi dal 1980 ad oggi, la , la Niña ha reso gennaio più freddo del normale 8 volte su 12.

Schermata%202021-12-23%20alle%2017_29_35.jpg



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

16 AGO
Cerchiamo di capire se grazie all'autunno usciremo finalmente da questa terribile siccità
15 AGO
Una perturbazione aggredirà con decisione il Nord e parte del Centro, accompagnata da numerosi temporali
14 AGO
Una nuova perturbazione favorirà un aumento dell'instabilità, soprattutto in alcune regioni
13 AGO
Piove poco e male: vediamo se ci sono le possibilità di un ritorno di piogge in grande stile al Nord
7 AGO
La siccità del 2022 potrebbe essere solo una delle prime che in futuro vedrà il Mare Nostrum: vi mostriamo una ricerca scientifica
16 LUG
In questi giorni temperature particolarmente alte osservate in molte regioni dell’Emisfero Nord
16 LUG
Era il 16 Luglio 2016, invece oggi...
5 LUG
Sono Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia