In pubblicazione il 5 DIC 2021

La nevicata perfetta in Val Padana occidentale. Avvenne un anno fa

Lo scrivevamo un anno fa...


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Ecco cosa scrivevamo un anno fa... La storia si sta per ripetere  

In un video del 25 novembre, per primi,  avevano adombrato la possibilità che intorno al 3 dicembre  potesse arrivare la prima  nevicata anche in pianura al Nordovest la-nevicata-perfetta-anche-pianura). L’evento era stato confermato in un altro articolo  del 26 dicembre  ( bilico-tra-neve-e-non-neve ) Ebbene nivofili e freddofili saranno ansiosi di sapere se vi sono nuovo sviluppi.


Ebbene oggi, 27 novembre, alcuni principali modelli odierni lasciano ancora intravedere l’arrivo si neve in pianura al Nordovest con la modifica di un solo dettaglio: l’evento si dovrebbe verificate non il 3 bensì il 4 dicembre.


Schermata%202020-11-27%20alle%2010_00_16.jpg

 

Restano immutate le condizioni  favorevoli alla “nevicata perfetta” 

Perché sarebbe la nevicata perfetta?

Perché per l’arrivo della neve in pianura occorrono 2 ingredienti:

  • Arrivo di aria abbastanza fredda tale da portare il livello dello zero gradi (Freezing level)  sotto 600-700m. Tale situazione nella presente circostanza dovrebbe verificarsi appunto tra il 2 e il 3 dicembre a seguito di un travaso di aria polare dagli alti Balcani in Val Padana. Per di più il raffreddamento  sulle regioni di Nordovest sarà amplificato da uno strato d’aria spesso 100-200 m a temperature sottozero a seguito della da serenità notturna del cielo. Pe tale motivo ancor oggi su tali regioni il livello dello zero gradi  (Freezing level) dovrebbe portarsi  sotto 600m ( vedi iammgine dx di copertina).
  • Entro 24-48 ore ovvero ossia prima che l’aria fredda affluita il 2 e  3 dicembre in Val Padana si dissolva, debbono arrivare tiepidi e piovosi venti meridionali, i quali siano poi costretti a  scorrere al di sopra del cuscinetto di  aria fredda. Ebbene, guarda caso, proprio nella giornata del 4 dicembre, un profondo vortice di bassa pressione  centrato sul Regno  sospingerà appunto su Piemonte e Lombardia umidi venti dal Mediterraneo occidentale (vedi immagine sx di copertina)

 –––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

MEMENTO: Occhio alle.. disillusioni!

E’ d’obbligo ricordarvi quanto avevamo scritto 3 giorni fa

La previsione di una nevicata in pianura è la previsione più difficile per un meteorologo perché, mentre  un errore modesto 100-200 metri sulla quota neve in montagna non viene percepito, invece un simile errore  in pianura (pari ad un errore di 0.5°C nella previsione della temperatura) far passare spesso da una situazione di “neve sì” ad una di “neve no” o viceversa.

Per di più questa previsione è fatto con molto anticipo (8 giorni) e quindi ha una probabilità di successo intorno al 70% perché  nel frattempo i modelli potrebbero cambiare qualche dettaglio (es.  mezzo grado di temperatura in più nella temperatura prevista  tra suolo 1500m , comporta un innalzamento di cicca 150m nel livello dello zero temico)

Schermata%202020-11-27%20alle%2011_07_22.jpg



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 GEN
Assisteremo ad un saliscendi di temperature, con valori spesso analoghi tra Nord e Sud, e precipitazioni scarsissime se non assenti
23 GEN
Se pare che l'inverno sia in declino...mai dare per morta una stagione, finché il calendario lo consente!
22 GEN
Eventi straordinari e imprevedibili, talvolta anche spaventosi: sono i record del tempo .
19 DIC
Quante volte nel passato
18 DIC
Da dove deriva questo noto detto