In pubblicazione il 18 LUG 2020

Luglio 2020: Fin ora più “Azzorriano” che “Africano”

La posizione dei 2 anticicloni nel  luglio 2019 e nel luglio 2020


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Siamo stati presi dalla curiosità di confrontare la posizione dei 2 anticicloni nei primi 15 giorni del  luglio 2019 (l’anno passato) con la loro rispettiva posizione nei primi 15 giorni del 2020 (questa’anno).


Il confronto è stato fatto sia con la pressione al livello del mare che con la pressione alla quota media di 5500m


 

Pressione al livello del mare (immagine di copertina)

Prendendo come termine di confronto la isobara 1018 hPa, l’anticiclone delle Azzorre nel 2020 è più allungato  che nel 2019 verso l’Europa centro-occidentale.  

Per confrontare  la posizione della bassa  pressione di origine termica associata al livello del mare all’anticiclone Nord Africano, abbiamo scelto la isobara 1014 hPa.

Ebbene è evidente che  la posizione  di tale bassa pressione -  e quindi anche la posizione dell’’anticiclone africano in quota, nel 2020 é stata molto più arretrata che nel 2019.

 

Pressione alla quota media di 5500m circa

Nel 2019 era più netta l’aggressione dell’anticiclone Nord Africano all’Italia, mentre invece l’anticiclone  delle Azzorre nel 2020 è meno defilato che nel 2019 rispetto all’Italia..

Sulle cause circa  la minore presenza dell’anticlone africano abbiamo già scritto più volte. Vedi qui Previsioni fino al 19 luglio

Clipboard01.jpg

Conclusioni

Insomma viene confermato che quest’anno  il clima estivo italiano è stato fin ora condizionato più dalle miti correnti atlantiche che dalle roventi correnti nord africane



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

6 MAR
La perturbazione giunta dal Nord Europa sta facendo sentire i suoi effetti su molte zone del Paese
5 MAR
Le correnti fredde che scivoleranno sulla nostra Penisola favoriranno il temporaneo ritorno a condizioni meteo più invernali
5 MAR
L'alta pressione scalzata da tre perturbazioni cederà il posto a episodi di maggiore instabilità in Emilia-Romagna, anche nella nuova settimana
5 MAR
Due perturbazioni all’assalto dell’Italia, interessata da un moderato peggioramento delle condizioni meteo
3 MAR
Nuovi dati mostrano, su scala planetaria, un innalzamento del livello dei mari pari a quello descritto dagli scenari peggiori
2 MAR
Evacuazioni da parte delle autorità locali