In pubblicazione il 18 AGO 2019

Martedì e mercoledì apice del caldo, intenso a Firenze, Perugia e Catania

Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Stiamo vivendo l'ennesima sortita dell'Anticiclone Nord-Africano, che per la quarta volta in questa estate torna a occupare la nostra Penisola, anche se in realtà in questa occasione lo farà con minor prepotenza, per cui il caldo sarà meno intenso e meno insistente rispetto alle precedenti ondate di calore. Inoltre la nuova ondata di caldo coinvolgerà prevalentemente le regioni centrali e meridionai, mentre il Nord, lasciato ai margini dell'area anticiclonica, godrà di temperature più contenute, al prezzo però di una maggior instabilità che porterà un po' di temporali soprattutto su Alpi e Prealpi, con occasionale coinvolgimento delle aree di pianura. 

Le temperature saliranno soprattutto nei primi giorni della nuova settimana, con il caldo afoso che toccherà l'apice tra martedì e mercoledì, quando in Emilia, Romagna e gran parte delle regioni centrali e meridionali, le temperature massime saranno comprese fra 30 e 34 gradi, con punte anche di 35-36 gradi. Anche i tassi di umidità cresceranno e, inevitabilmente, l'afa accentuerà il fastidio del caldo, spingendo in alcune località le percepite anche fino alla soglia dei 40 gradi. Tra i principali capoluoghi, quelli che soffriranno maggiormente per il caldo, saranno Firenze, Perugia e Catania: in tutte queste città infatti la colonnina di mercurio dei termometri salirà fino a segnare valori di 35-36 gradi.

Nella seconda parte della settimana la parziale ritirata dell'alta pressione favorirà un'attenuazione del caldo, almeno nelle regioni centrali, ma con temperature che comuqnue, in molte zone d'Italia, rimarranno nel complesso al di sopra delle medie stagionali. In ogni caso è improbabile che questa nuova ondata di caldo riesca a regalarci picchi di temperatura di 38-40 gradi e, più in generale, risulterà probabilmente la meno "bollente" di quelle che, in questa stagione estiva, hanno accompagnato le incursioni dell'Anticiclone Nord-Africano sulla nostra Penisola.


In base alle attuali proiezioni dei modelli fisico-matematici è quindi molto probabile che nel prossimo fine settimana, quello di domenica 25 agosto, le temperature tornino nella norma, se non leggermente al di sotto, al Nord, in gran parte del Centro e anche in Sardegna, mentre un po' di caldo intenso (ma non troppo) dovrebbe resistere nelle regioni meridionali, e in particolare in Puglia e Calabria.

Tornerà il caldo feroce, quello caratterizzato da temperature fino a 40 gradi e afa soffocante? Le proiezioni attuali sembrano scongiurare tale pericolo, e del resto con la fine di agosto ci avviciniamo anche alla fine dell'estate meteorologica, per cui le probabilità di ondate di caldo particolarmente intense vanno chiaramente scemando: in ogni caso nei prossimi gironi, con le nuove uscite dei modelli, vi daremo notizie più aggiornate.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

13 SET
Ma non per questo darà luogo ad un ondata di caldo eccezionale o record
12 SET
Ritorno a condizioni tipicamente estive da Nord a Sud, massime fino a 32-33 gradi
12 SET
Solo il 10% delle località valori tra 30 e 32 gradi
11 SET
L'alta pressone dell'Anticiclone Nord-Africano ci regalerà giornate tipicamente estive, con sole e caldo
11 SET
Gondwana, l'attuale Sud America, si staccò da Pangea 165 milioni di anni scatenando una eruzione vulcanica apocalittica
10 SET
400 mila persone evacuate, onde alte 11 metri!