In pubblicazione il 23 GEN 2021

Massa d’aria fredda in arrivo il 24 gennaio. Ecco la sua traiettoria…

Sarà una massa polare marittima in arrivo dal Sud del Mar di Groenlandia


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Parliamo dell’arrivo sul Italia a fine 24 gennaio di un'altra massa d’aria gelida, come avevamo già preannunciato in un nostro video 16 gennaio (17-25-gennaio-inverno-ancora-vivace-e-ricco-di-soprese) ma l’arrivo sull’Europa centro-orientale era stat da noi ipotizzato già il 9 gennaio  (freddo-polare-su-europa-centro-orientale-fino-alitalia-da 11-al-25-gennaio)


Ne vogliamo parlare per evitare che, come successo  nella precedente ondata di freddo tra 15 e 18 gennaio, molti siti meteo per fare più audience hanno fatto credere ai mass media che l’aria artica nella circostanza provenisse dalla Siberia.


Ebbene l’aria gelida in arrivo sul Nord ’Italia nella sera del 24 gennaio è già in viaggio verso l’Europa  ed è partita dal  Sud del Mar di Groenlandia a bordi del circolo polare.

Pertanto di tratta di aria polare di origine “marittima”,  classificata  quindi Pm

Schermata%202021-01-23%20alle%2017_36_24.jpg

 

(vedi qui  a piè di pagina,  l’approfondimento su “masse d’aria”)

 

______________________________________

Una massa d'aria è  corpo di aria molto grande (estensione orizzontale dell'ordine del migliaio di km quadrati) le cui proprietà di temperatura e umidità dal suolo e fino ad una data quota, sono abbastanza simili in qualsiasi direzione orizzontale. 

Le regioni di origine sono aree geografiche in cui ha origine una massa d'aria che dovrebbero avere superfici di appoggio uniforme e piatta e venti di superficie deboli o assenti

Sulle regioni occupate dai grandi anticicloni permanenti  o stagionali ( es., Anticiclone delle Azzorre, Anticiclone russo)  la circolazione è piuttosto debole e pertanto vaste porzioni di atmosfera restano quasi immobili sul posto per giorni o settimane, acquistando così  le caratteristiche termo-igrometriche del suolo sottostante.

Tali enormi blocchi di atmosfera fisicamente omogenea sono denominati masse d'aria e vengono trasportate dai venti predominanti fino a qualche migliaio di km di distanza, senza per questo perdere le loro originarie caratteristiche.

Tuttavia le iniziali proprietà fisiche vengono diversamente modificate lungo il percorso, a seconda che le regioni attraversate siano coperte dal mare o dalla terraferma. Ecco perché le masse d'aria vengono distinte, oltre che con la denominazione del luogo di origine, anche in marittime e continentali

Le masse d'aria sono classificate a seconda della regione di provenienza.

Latitudini molto vicine al polo A(artiche)

latitudini polari P - in genere si trova intorno 60 gradi nord e sud

latitudini tropicali T - in genere si trova all'interno di circa 25 gradi dall'equatore

continentale c -  si origina su grandi masse di terraferma: è  povera di vapore acqueo

marittima m - che si forma sopra agli oceani: è ricca di vapore acqueo

Schermata%202021-01-23%20alle%2017_42_59.jpg

 

Schermata%202021-01-23%20alle%2017_53_36.jpg

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Temperature a 1500m ca nei prossimi 10 giorni
26 FEB
Modelli in parziale disaccordo
26 FEB
Prosegue il dominio incontrastato dell'anticiclone, anche se il suo parziale indebolimento, concederà in Emilia-Romagna un lieve calo delle temperature e un ritorno a valori più consoni del periodo
26 FEB
Le ultime proiezioni dei modelli previsionali indicano la probabile data del prossimo generalizzato peggioramento del tempo
25 FEB
Fa caldo per il periodo...troppo caldo! Le conseguenze
27 FEB
Recenti ricerche confermano che il cambiamento climatico potrebbe avere un notevole impatto negativo sui raccolti del futuro
27 FEB
Secondo la statistica climatica https://www.youtube.com/watch?v=IcOh1T7NR8I
24 FEB
Temperature insolitamente miti in un’ampia fetta del continente asiatico con veri e propri valori record in Cina, Mongolia e Giappone
23 FEB
Statistiche e curiosità riguardanti le nevicate che hanno imbiancato la Capitale nel corso degli ultimi 100 anni