In pubblicazione il 11 GIU 2019

Meteo: caldo in arrivo, fino a 38 gradi su molte regioni

L’alta pressione africana assalterà la Penisola italiana in più fasi


Fonte Immagine: WXCHARTS

La tendenza generale fino al 20 giugno proporrà ben quattro fasi: due dominate dall'anticiclone nord africano e due invece dominate per lo più dalle correnti atlantiche. 


La prima fase, tra il 12 e il 13 di giugno, l'anticiclone subtropicale in risalita dal Nord Africa dominerà ancora la scena sulle regioni centro meridionali così com’è stato nei giorni passati; sul nord Italia invece continueranno a farsi sentire le interferenze fresche atlantiche le quali manterranno le temperature contenute entro i 30 - 32 gradi nei valori massimi. Non vi saranno particolari fenomeni di rilievo se non qualche isolato temporale sulle regioni alpine. 


La colonnina di mercurio toccherà invece i 34 - 37 gradi nei valori massimi su Toscana, Umbria, Lazio, Puglia, Calabria e sulle aree interne delle due Isole Maggiori. 

La seconda fase, dal 14 al 15 giugno, l'anticiclone nord africano raggiungerà la sua massima intensità e addirittura si propagherà anche sulle regioni settentrionali, risparmiando forse solo il Piemonte e la Val d’Aosta; temperature massime intorno ai 30 - 32 grandi su Piemonte e Lombardia, mentre raggiungeremo i 34 - 37 gradi su Emilia Romagna, aree interne toscane, Umbria, Lazio, Puglia, Calabria e sull'interno della Sicilia; qualche grado in più potremo averlo sulle aree interne della Puglia, ove si raggiungerà facilmente i 38-39°C. 

La terza fase, tra il 16 e il 18 di giugno, si faranno vedere finalmente le correnti atlantiche perché riusciranno a sconfiggere l'africano il quale si ritira sul nord Africa. Il flusso Atlantico innescherà rovesci e temporali su gran parte del Centro Nord con una sensibile flessione delle temperature, ma attenzione perché le massime durante le ore più calde del giorno sulle zone interne potranno raggiungere ancora i 30 gradi. 

Nell’ultima fase, tra il 19 e il 20 di giugno, tornerà l'anticiclone nord africano tentando l’assalto per una via secondaria. Si allunga difatti fino alla Spagna e da qui si getterà sulle regioni nord occidentali. Sulle aree nord occidentali avremo nuovamente temperature massime tra i 32 ed i 34 gradi, mentre sulle restanti aree italiane rimarranno ubicate sui 30 gradi.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

6 MAR
La perturbazione giunta dal Nord Europa sta facendo sentire i suoi effetti su molte zone del Paese
5 MAR
Le correnti fredde che scivoleranno sulla nostra Penisola favoriranno il temporaneo ritorno a condizioni meteo più invernali
5 MAR
L'alta pressione scalzata da tre perturbazioni cederà il posto a episodi di maggiore instabilità in Emilia-Romagna, anche nella nuova settimana
5 MAR
Due perturbazioni all’assalto dell’Italia, interessata da un moderato peggioramento delle condizioni meteo
3 MAR
Nuovi dati mostrano, su scala planetaria, un innalzamento del livello dei mari pari a quello descritto dagli scenari peggiori
2 MAR
Evacuazioni da parte delle autorità locali