In pubblicazione il 20 LUG 2019

Meteo: caldo intenso, ancora oltre i 40 gradi. Ma non per noi in Italia

L’alta pressione colpirà direttamente l’Europa occidentale; la nostra Penisola solo lambita


Fonte Immagine: WXCHARTS

 

L’alta pressione africana diverrà nelle prossime ore più insistente su una vasta porzione del continente europeo occidentale. 

Difatti la nuova fiammata subtropicale colpirà ancora la Penisola Iberica, la Francia ed il Regno Unito; proprio su quest’ultima arriverà il nucleo più intenso della figura barica.

Ma soprattutto in Francia durante la prossima settimana farà molto caldo: tra martedì e giovedì le temperature saliranno ancora sopra i 40 gradi. Non sarà difficile vedere la colonnina di mercurio andare oltre le medie del periodo anche fino a 10-12 gradi. 

Ricordiamoci che neanche un mese fa il popolo francese si preparava ad affrontare una delle ondate più forti della storia che ha fissato il nuovo record assoluto di 45,9 gradi.

Per alcuni giorni su gran parte dell’Europa occidentale farà davvero molto caldo: in Portogallo e in Spagna, per intenderci fa già caldo in queste ore.


L’alta pressione salirà invadendo il Regno Unito ed anche la Germania. Successivamente il nucleo della figura alto pressoria evolverà (evoluzione da confermare) verso i settori orientali e non sarà difficile superare i 40 gradi anche nella vallata del Reno.

La situazion in Italia

L’anticiclone Africano farà sentire i suoi effetti anche sul territorio italiano, ma non ovunque. Le regioni che risentiranno maggiormente dell’ondata calda saranno quelle settentrionali, la Toscana, il Lazio e la Sardegna, ove la colonnina di mercurio toccherà nuovamente i +35°C - +37°C tra martedì e venerdì

Caldo più contenuto sulle restanti regioni del medio Adriatico e del sud Italia con temperature in aumento, ma sostanzialmente contenute e “solo” di qualche grado al di sopra delle medie del periodo. 



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

23 GEN
Una perturbazione aggiungerà l'Italia e farà sentire in suoi effetti, in termini di piogge e nevicate, soprattutto nel fine settimana
21 GEN
L’aria “pulita” in natura non esiste né è mai esistita. La naturale composizione dell’aria
21 GEN
Gran parte del mese di Gennaio sembra scorrer via senza grossi sussulti sul vecchio continente
20 GEN
Secondo la statistica climatica l'evento ha discrete probabilità
22 GEN
La media è quasi di 10°C superiore
22 GEN
Danni pesantissimi a causa delle devastanti mareggiate, tanta neve in montagna
22 GEN
Dopo siccità ed incredibili incendi arrivano forti temporali
22 GEN
Il fumo alla fermata dell’autobus… e le scorregge? tratto da www.aduc.it