In pubblicazione il 25 GEN 2019

Meteo: contesto ancora molto dinamico. Nuove nevicate sull’Italia

Altri vortici depressionario in arrivo dal Nord Europa raggiungeranno il Mediterraneo centrale


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Un’area depressionaria in arrivo dal Nord Atlantico ha raggiunto la nostra Penisola nella giornata di mercoledì 23 gennaio, portando maltempo dapprima sulle regioni settentrionali, in successivo trasferimento alle regioni centro meridionali. 

Un impulso piuttosto freddo che ha garantito precipitazioni a prevalente carattere nevoso al Nord, con sostenuta ventilazione che ha investito gran parte del Territorio, in particolare i settori Tirrenici e la Sardegna.

Ma che tempo dovremo aspettarci per questo fine settimana e nei primi giorni della nuova settimana?

Analisi e previsione 

Il weekend rimarrà improntato al freddo e al gelo, seppur di moderata intensità, per intenderci nulla di eccezionale, perché resterà sulla Penisola l'aria fredda giunta nella giornata di mercoledì. 

Aria fredda di origine artica che seguiterà a invadere maggiormente l'Italia soprattutto le regioni centro-meridionali con venti dai quadranti nord orientali in arrivo dai Balcani. 

Quindi domani, sabato 26 gennaio 2019, il quadro meteorologico si presenterà nel complesso bello, ma molto freddo in particolare al centro nord ove non mancheranno estese gelate di notte ed al primo mattino. Domenica il sole continuerà a splendere, ma arriverà nelle ultime ore della giornata un altro nucleo di aria artica che insisterà successivamente sull'Italia fino a martedì. Quindi ad iniziare già dalla serata dell’ultima giornata in chiusura settimanale avremo piogge sul Triveneto, Emilia, Piemonte, Lombardia, Toscana, Umbria, Lazio, Sardegna e poi nel corso della notte anche regioni meridionali. 


Lunedì 28 gennaio, le piogge si estenderanno praticamente ovunque, anche se le regioni nord occidentali in questa fase potrebbero ritrovarsi maggiormente ai margini; previste nevicate sulle aree centro settentrionali fino a quote molto basse, fino a raggiungere le aree di pianura sul Piacentino e Parmense. Nelle zone di pianura e lungo le vallate continuerà a far freddo intenso di notte ed al primo mattino. 

Martedì ancora fenomeni sulle regioni del Medio Adriatico ed al Sud; temperatura inferiori alla norma di qualche grado su tutta l’Italia, ma soprattutto al centro-nord. 

Mercoledì 30 arriverà un secondo nucleo di aria artica anche se inizialmente attiverà un flusso di correnti meridionali di Libeccio, venti molto umidi e piuttosto miti che poteranno intense piogge sul Medio Adriatico e al Mezzogiorno, ma poi nel corso della giornata porterà anche nevicate sulle Alpi sebbene di debole intensità. Ulteriori nevicate sono previste anche in pianura sul Piemonte sud occidentale, Lombardia e Piacentino, laddove resisterà il cuscino freddo istituito in questi ultimi giorni. 

Giovedì 31, l’ultimo giorno del mese di gennaio, vi saranno ancora piogge sulle regioni del Medio Adriatico al sud; neve fino a quote molto basse sull'Appennino e sulla Sardegna

Venerdì primo febbraio le nubi allenteranno la presa, il contesto sarà perciò migliore con ampi spazi sereni, ma forti gelate sulle regioni centro settentrionali.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola