In pubblicazione il 30 APR 2021

Meteo, Emilia-Romagna: nubi e rischio pioggia fino a sabato. Avvio incerto ma settimana in miglioramento

Il weekend del primo maggio trascorrerà col rischio di forte maltempo. Mentre una domenica più asciutta e soleggiata sarà la parentesi ad una nuova settimana con l'avvio incerto ma con la tendenza al miglioramento


Fonte Immagine: Pixabay

Pochi i cambiamenti meteorologici in vista di questo fine mese di aprile e primo maggio, quando a insistere in Emilia-Romagna saranno correnti umide sud-occidentali in grado di veicolare un susseguirsi di corpi nuvolosi carichi di instabilità e precipitazioni a macchia di leopardo. Se nel corso della settimana le piogge scarse e intermittenti erano affidate allo sviluppo di modesti temporali poco organizzati, nella giornata di sabato, lo scontro tra le differenti masse d’aria che caratterizzano il nostro Paese si farà più acceso, determinando la formazione di un nucleo di precipitazioni più intenso in arrivo dal nord-ovest. Sebbene si tratti di un fronte perturbato più marcato rispetto al precedente, con tutta probabilità, la seconda parte di giornata vedrà l’arrivo di un nuovo peggioramento con piogge e veloci temporali che entro sera bagneranno gran parte della regione. Il Maltempo si concentrerà successivamente sul nord Italia e, al suo seguito, concederà lo spazio a maggiori schiarite sui cieli della domenica, anche per merito di un richiamo della ventilazione di libeccio che soffiando a tratti forte risulterà più asciutta e mite.


A inizio settimana è atteso poi un cambio di scenario. Le correnti atlantiche saranno meno accentuate e la residua instabilità che caratterizzerà ancora la giornata di lunedì si farà da parte, permettendo una parziale rimonta dell’alta pressione delle Azzorre. Con questo scenario, le correnti pur avendo una componente occidentale contribuiranno a una variabilità meno pronunciata, producendo fenomeni più marginali e sparsi sui rilievi. Le condizioni atmosferiche subiranno un deciso miglioramento, sebbene con un avvio un pò incerto risulteranno complessivamente soleggiate, con irregolari annuvolamenti in transito, più consistenti a inizio settimana. Le temperature, ancora influenzate da parziali infiltrazioni di aria fredda, subiranno una leggera flessione per poi riportarsi a fine periodo attorno alle medie del periodo.


Venerdì: nuvolosità variabile al mattino con ampie zone di sereno, maggiori sulle pianure orientali della regione, addensamenti estesi sui rilievi e nubi in aumento nel corso del pomeriggio. Deboli precipitazioni sparse più probabili in Appennino, accompagnate da episodi locali di rovescio, occasionalmente sulle pianure occidentali e nel ferrarese. In serata esaurimento dei fenomeni. Sabato: nuvolosità irregolare, con deciso peggioramento tra il pomeriggio e la sera. Precipitazioni sparse e irregolari in intensificazione anche accompagnate da fenomeni temporaleschi, con particolare riferimento al settore occidentale e settentrionale della regione. Qualche fiocco di neve sui rilievi più alti dell’Appennino con quota in calo nella notte sino a 1600-1700 metri circa. Domenica: al primo mattino nuvolosità variabile sui settori montuosi con deboli precipitazioni sparse in esaurimento. Schiarite con ampi spazi soleggiati sulle pianure, specie su quelle orientali. Temporanei annuvolamenti pomeridiani, con possibili fenomeni nel piacentino. Nella notte non è escluso la formazione di veloci acquazzoni sparsi.

Temperature: in aumento, con minime tra 13 e 15 gradi; massime comprese tra 20 e 23 gradi con punte fino a 24/25 gradi. Venti: inizialmente deboli variabili sulle pianure, sud-occidentali nell’entroterra, con rinforzi sui rilievi, da sud-est con temporanei rinforzi sulla fascia costiera, tendenti a disporsi tutti da sud-ovest divenendo da moderati a forti. Mare: da poco mosso a localmente mosso.

Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato e divulgatore scientifico AMPRO Meteo Professionisti



Fonte Articolo: Meteoroby

ULTIMI ARTICOLI

22 GIU
L'Italia abbracciata dalla polvere del deserto!
22 GIU
I meteorologi elaborano “previsioni” e non “certezze”, come del resto implicito nel concetto di “previsione”
22 GIU
Anche in Emilia si faranno sentire gli effetti dell’alta pressione africana che ha stretto d’assedio l’Italia
21 GIU
Ulteriore ridimensionamento da parte dei modelli in data odierna (21 giugno)
21 GIU
Notte difficile su diverse regioni della Penisola
17 GIU
Sopra 29 gradi solo 30 località su 130
1 GIU
Auto trascinate via dalla furia dell'acqua, danni pesanti