In pubblicazione il 12 GEN 2020

Meteo: fino al 26 gennaio. In arrivo correnti artiche, ma.. senza freddo

Un periodo spesso dominato da anticicloni, senza una vera ondata invernale


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Poche novità in vista all’orizzonte, se non un lungo periodo di stabilità dominato dall’alta pressione con solo qualche disturbo senza eccessi degni di nota. Dunque l’andamento meteorologico fino al 25 gennaio vedrà un susseguirsi di 3 fasi: una prima caratterizzata ancora dall'anticiclone delle Azzorre con il solito menù che ci ha fornito in questo primo scorcio di gennaio; una seconda fase apparentemente interessante in cui sembrano difatti arrivare correnti più fredde dalla Groenlandia (sembra appunto e vedremo il perchè); per concludere con una terza fase di nuovo sotto l’influenza dell’anticiclone

Il vero inverno ancora non arriverà.

Nel dettaglio, tra il 12 e il 17 gennaio avremo l’alta pressione delle Azzorre tra piedi, che garantirà ancora bel tempo quasi ovunque, delle gelate al Centro Nord e fitti banchi di nebbia in Val Padana. 

Tra il 18 e il 23 gennaio avremo la fase più interessante di questo periodo previsionale (interessante si fa per dire), perchè arriverà una modesta perturbazione Atlantica che porterà fenomeni dapprima al Centro Nord in successivo trasferimento sulle regioni meridionali; dal 22 - 23 sopraggiungerà però una seconda perturbazione nord atlantica sospinta da correnti che derivano direttamente dalla Groenlandia, ma nonostante queste correnti siano di estrazione artica, dovendo attraversare tutto l’oceano, diverranno generalmente miti lungo il loro percorso. 


Aggireranno l’arco alpino arrivando sui Balcani, da qui sfoceranno sull’Italia, ma senza portare un'ondata di vero freddo invernale, al più delle deboli nevicate su Abruzzo, Molise e sulle Alpi di confine a quote tra i 500 e 1000 metri. Avvertiremo un calo delle temperature di 3 o 4 gradi, ma niente di più. 

Infine tra il 24 e il 26 torna l'anticiclone delle Azzorre, ma in una posizione di latitudine molto più bassa di quanto non sia in questo momento, quindi vi sarà maggiore spazio per le correnti nord atlantiche in arrivo direttamente dalla Groenlandia, ma verranno sospinti al di la dei Balcani, con nessun effetto sulla Penisola italiana. 

Per quanto riguarda le temperature, tra il 12 ed il 20 saranno al di sopra della media di 2 - 4 gradi in particolare al Centro Nord, mentre tra il 24 ed il 26 di gennaio avranno occasione di scendere lievemente al di sotto della media di 2 - 3 gradi. Un periodo quindi senza una vera ondata di freddo pienamente invernale.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

Accumulo di neve previsto nelle prossime 72 ore
17 GEN
Al via la prima ondata di freddo del nuovo anno. Non sarà preoccupante
17 GEN
Intere settimane sotto le grinfie dell'alta pressione, con nebbie e tanto smog, ecco alle porte un parziale cambio di rotta
17 GEN
Sabato e Domenica raggiungerà il nostro paese un fronte perturbato che porterà pioggia e neve, vediamo dove
Le precipitazioni previste per il weekend
16 GEN
Una maggiore dinamicità aiuterà ad allentare la morsa dell'inquinamento sulle pianure e lungo le vallate interne
17 GEN
Picchi fino a 150 microgrammi per metro quadro in Val Padana, l’aria è irrespirabile
17 GEN
29 le vittime, enorme valanga distrugge l'Hotel Rigopiano
17 GEN
Tutti gli anni dal 2014 nei primi 6 posti!!
15 GEN
Ecco il video della Protezione Civile della frana del 21 dicembre in località Cannillo