In pubblicazione il 23 MAG 2019

Meteo: giugno porta l'estate sull'Italia. Ultimi aggiornamenti

Un'evoluzione su tre principali fasi: il weekend sarà di nuovo instabile


Fonte Immagine: WXCHARTS

 

Dalle recenti emissioni dei centri modellistici vediamo delinearsi tre principali fasi che si susseguiranno indicativamente fino al 5 giugno, una fresca e piovosa per l'arrivo di correnti più nord-atlantiche, ma anche per l'invadenza di una perturbazione in risalita dal Nord Africa e due invece in compagnia dell'anticiclone subtropicale, ma non dobbiamo però preoccuparci perché si tratterà ancora di un "africano" in versione poco estiva. 

Prima fase 

Tra il 23 e il 24 maggio avremo la prima fase più stabile, si allungherà difatti dalla Spagna verso il Nord Italia l'anticiclone nord-africano, anche se resteranno attive fresche correnti dai Balcani sulle regioni centro meridionali. Non mancheranno isolati rovesci e temporali su gran parte dei rilievi appenninici e sulle Alpi centro orientali in particolare durante le ore pomeridiane; temperature in rialzo al Settentrione ove i valori massimi raggiungeranno i 24 e 25 gradi soprattutto lungo la Val Padana centro occidentale. Sulle restanti aree italiane la colonnina di mercurio non riuscirà ancora a superare la soglia dei 20 grandi, rimanendo sotto ai valori tipici del periodo, anche se non ci arriveremo tanto lontano.  

Seconda fase 

Nella seconda fase, tra il 25 e il 29 di maggio, arriverà sulle regioni centro settentrionali italiane una perturbazione atlantica che attiverà una goccia fredda sul Mediterraneo occidentale; tale depressione andrà a richiamare aria fredda dalle latitudini polari verso la Gran Bretagna e poi sull'Europa centro-occidentale. 


L'Italia verrà sfiorata e si troverà nel mezzo tra i flussi freschi occidentali e quelli più caldi di matrice sub-tropicale che invaderanno invece il Sud, caratterizzato da una depressione in risalita dal Nord Africa; le ultime giornate del mese verrano quindi animate da rovesci e temporali. L'instabilità produrrà i primi fenomeni nella giornata di sabatoal Centro Nord, in successiva diffusione anche alle restanti aree centrali ed infine meridionali. 

Domenica 26 difatti insisterà ancora la perturbazione atlantica su gran parte delle regioni, ma rovesci anche a sfondo temporalesco fioriranno facilmente su Lazio, Abruzzo, Molise, regioni meridionali e Isole Maggiori; temperature in calo anche al Centro Sud e nuovamente fresco su tutta la Penisola, con massime sui 16-19 gradi; solo al Nord il termometro raggiungerà i 20-22 gradi.
Una parentesi che porterà accumuli precipitativi a tratti abbondanti sulla Val Padana settentrionale, sul Triveneto, sulle Marche, Abruzzo, Molise, Lazio e Sardegna.  

Terza fase 

La terza ed ultima fase del periodo previsionale in esame, tra il 30 maggio e il 5 giugno, verrà condizionata con più decisione dall'invadenza dall'alta subtropicale, dapprima negli ultimi giorni di maggio sul Centro Nord e successivamente in estensione alle restanti aree peninsulari entro il 5 maggio. Valori termici in netto aumento con massime tra i 28 e i 30 gradi su gran parte dell'Italia, non mancheranno locali punte di 31-32 gradi sulle regioni tirreniche, in particolare Toscana, Umbria, Lazio, Campania e sulle Isole Maggiori. 



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola