In pubblicazione il 20 GEN 2020

Meteo inverno 2020: freddo tardivo invernale tra febbraio e marzo

Secondo la statistica climatica l'evento ha discrete probabilità. Tutti i dettagli


Fonte Immagine: NOAA

La parte in corsivo è dedicata a coloro che hanno buone conoscenze di Meteorologia. Per gli altri consigliamo di passare direttamente alla parte finale


Le grandi ondate di freddo sono sempre determinate ad eventi di stratwarming


La stratosfera spesso nel periodo invernale subisce bruschi e intensi riscaldamenti che talvolta mettono a soqquadro l’intera circolazione invernale dell’emisfero Nord. Il riscaldamento stratosferico è noto come Stratwarming (SW= Stratospheric Warming) 

Se il riscaldamento è rapido e superiore a 20 °C,  allora sta ad indicare che sulla verticale del polo è giunto un vasto anticiclone dalla fascia subtropicale e come tale a cuore caldo ed esteso a tutte le quote – e  quindi fino tra 20 e 30 km di altezza - con conseguente sostituzione del vasto ciclone freddo del vortice polare stratosferico (VPS).   

Gli anticicloni di solito si spingono verso il polo Nord o dal continente americano o dalla Siberia, perché alle alte latitudini qui vengono rinforzati dagli anticicloni invernali (anticiclone canadese, anticiclone delle Aleutine  e anticiclone russo-siberiano).

In questi casi la circolazione anticiclonica (in verso orario le nostro emisfero) diviene così intensa da coinvolgere, via via, anche gli strati sottostanti, attraverso la trasmissione di energia cinetica per attrito verso il basso. In tal modo l’anticiclone propaga la propria circolazione oraria dalla stratosfera fino alla bassa troposfera nell’arco di 4-6 giorni, fino a sostituire sulla verticale del polo, il vortice polare (VP) a tutte le quote e quindi invertendo il verso della circolazione atmosferica polare (da ciclonica  con venti dai quadranti occidentali,  ad anticiclonica con venti dai quadranti orientali). 

Se è l’anticiclone  invade  l’area artica canadese  allora il VP viene sospinto  al di là del circolo polare sul lato europeo (split del vortice polare).

Eventi di questo ultimo tipo sono quelli che possono portare freddo e gelo fino all’Italia.

 

La probabilità di freddo tardivo da stratwarming in febbraio-marzo

Negli ultimi 10 anni ondate di freddo tardivo si sono verificate  ben 7 volte:

4 volte in febbraio (2014, 2016, 2017, 2018) Vedi immagine di copertina,

3 volte in marzo (2011, 2014, 2015)

fig_2%20.jpg

 

Come dire che l’evento ha una probabilità del 70% circa



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

8 MAR
La perturbazione che ha raggiunto la Penisola concentrerà i suoi effetti sulle regioni centrali e meridionali, mentre risparmierà il Nord Italia
7 MAR
Contesto di venti occidentali, ampie schiarite ma qualche addensamento sempre possibile.
7 MAR
La nuova perturbazione porterà le sue piogge sulle regioni centrali e meridionali, mentre il Nord rimarrà escluso dalla fase di maltempo
6 MAR
Un’altra perturbazione raggiungerà l’Italia e causerà un nuovo peggioramento del tempo su numerose regioni
7 MAR
I cambiamenti cui andrà incontro la circolazione atmosferica avrà ripercussioni importanti anche sul moto ondoso medio
3 MAR
Nuovi dati mostrano, su scala planetaria, un innalzamento del livello dei mari pari a quello descritto dagli scenari peggiori
2 MAR
Evacuazioni da parte delle autorità locali