In pubblicazione il 26 LUG 2021

METEO Italia, nei prossimi giorni CALDO INTENSO soprattutto in alcune regioni

L’alta pressione di stampo africano spingerà le temperature verso valori molto elevati in diverse zone del nostro Paese


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Nei prossimi giorni le condizioni meteo vedranno protagonista il caldo intenso, e tutto ciò nonostante i temporali che, almeno in questo inizio di settimana, manterranno il quadro termico relativamente contenuto nelle regioni settentrionali. La calura però non sarà soffocante in egual modo in tutta Italia e, al contrario, ci saranno regioni in cui le giornate saranno davvero bollenti e altre in cui invece si avrà a che fare con un caldo tutto sommato normale. Vi spieghiamo allora dove la calura risulterà più insistente e asfissiante. 


Temperature in crescita, si va oltre 40 gradi

Le temperature durante la settimana sono destinate a salire ulteriormente al Sud, dove le giornate di lunedì e martedì saranno perciò caratterizzate da massime per lo più comprese fra 32 e 38 gradi, con diverse punte fino a 39-40 gradi. Le regioni in cui la calura sarà più intensa saranno, nuovamente, Puglia, Calabria e Sicilia, e tra le città in cui l’aria si infiammerà maggiormente ci sono, come spesso accade in queste occasioni, Bari, Lecce, Reggio Calabria e Catania. Nei primi giorni della settimana valori più contenuti invece nel resto d’Italia e, se è vero che al Centro e in Sardegna farà comunque caldo, con le massime per lo più comprese fra 30 e 35 gradi, in alcune zone del Nord si potrà addirittura godere di un po’ di “fresco”, specie in Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Lombardia, regioni in cui le temperature pomeridiane rimarranno diffusamente al di sotto dei 30 gradi, con Torino e Genova che risulteranno tra i capoluoghi più freschi d’Italia. Ma attenzione, perché poi anche al Centro e al Nord nella parte centrale della settimana si andrà verso un rialzo termico che porterà le massime fino a picchi di 36-37 gradi nelle regioni centrali e diffusamente intorno a 30-33 gradi nelle regioni settentrionali. 


Un weekend con l’Italia spezzata in due

Nel corso del fine settimana però è molto probabile una nuova irruzione delle fresche correnti atlantiche al Nord dove, oltre a numerosi temporali, ci sarà quindi un nuovo sensibile calo termico. Negli stessi giorni al Sud, dove insisterà l’alta pressione, le temperature invece promettono un’ulteriore crescita: il fine settimana quindi sarà davvero rovente in gran parte del Sud, con possibili picchi oltre 40 gradi e caldo afoso soffocante sempre soprattutto nelle solite regioni, ovvero Puglia, Calabria e Sicilia, cui probabilmente si aggiungerà, con valori eccezionalmente alti, anche la Basilicata. Questo significa che, tra la cima e il fondo della Penisola, potrebbero esserci anche 15 gradi di differenza, con caldo estremo al Sud e fresco insolito al Nord!

 

VI CONSIGLIAMO LA LETTURA DI QUESTI NOSTRI APPROFONDIMENTI

PESSIME notizie per chi soffre il CALDO: in arrivo giornate BOLLENTI al SUD!

CLIMA IMPAZZITO, si contano disastri a non finire: VI SPIEGHIAMO come mai

LUNEDI’ 26 al Nord FORTI TEMPORALI con il rischio GRANDINE

Meteo, importanti NOVITA’ per AGOSTO: ecco cosa succederà!

La domanda che TUTTI SI FANNO: sarà più CALDO Luglio o Agosto

L’ESTATE ci rende PIU’ PIGRI: vi spieghiamo perché!

METEO MILANO, ancora i temporali, poi arriva il cado

Il CALDO senza precedenti a Milano, VI STUPIRA’

INCREDIBILE: a causa del cambiamento climatico torneremo alla PREISTORIA!

Le ondate di CALDO KILLER dell’era moderna

FULMINI a ciel sereno: esistono davvero? VI STUPIRA’



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

17 SET
Le giornate di Sabato e Domenica di metà Settembre vedranno temperature costanti e piogge diffuse al Centro-Nord
17 SET
Cinque giornate veramente piovose al Nord, cinque al Centro, una sola Sud, tre in Sardegna
16 SET
Le proiezioni dei modelli mostrano l’andamento delle prossime settimane e il destino dell’estate
7 SET
La quasi totale assenza di precipitazioni da inizio Estate e una precedente carenza storica di piogge primaverili hanno causato una delle Estati più secche di sempre nella regione dell’Emilia-Romagna
1 AGO
Una situazione purtroppo sempre più comune (e preoccupante!)