In pubblicazione il 7 MAG 2019

Meteo: nuovo peggioramento dopo l’evento invernale del weekend

Una serie di perturbazioni colpirà il Mediterraneo nei prossimi giorni. L’anticiclone africano toccherà il Sud


Fonte Immagine: WXCHARTS

 

La fase d’intenso maltempo del fine settimana, avvenuto tra il 5 ed il 6 maggio, è ormai archiviato, ma anche la breve parentesi più stabile è agli sgoccioli, perché appunto entra in azione una nuova perturbazione che raggiungerà con decisione le regioni nord occidentali, e con il passare delle ore si metteranno in marcia da Ovest verso Est agguantando anche le restanti aree settentrionali.

Il quadro meteorologico verrà quindi caratterizzato nuovamente da fenomeni, in genere deboli o moderati, per intenderci nulla a confronto con i violenti temporali dello scorso fine settimana. Un po’ di variabilità si avrà anche su Toscana, Umbria e Marche ma con deboli pioviggini localizzate; contesto ancora sostanzialmente soleggiato sulle restanti aree centro meridionali.

Da segnalare soltanto una nuvolosità medio alta e stratificata in transito al Sud, che di tanto in tanto potrebbe risultare compatta, ma non produrrà fenomeni degni di nota.


Le temperature aumenteranno di qualche grado al Sud, rimarranno stabili al Centro e torneranno a flettersi al Nord, mantenendosi ancora localmente al di sotto delle medie o prossime ai valori tipici del periodo.

Le piogge ed i rovesci si estenderanno successivamente, tra l’8 e l’11 maggio, anche alle regioni centrali, ma dagli ultimi aggiornamenti non sembrano però destare particolari preoccupazioni perché porteranno fenomeni generalmente deboli e probabilmente non riusciranno ad attraversare l’intera Penisola, lasciando all’asciutto in questa fase le regioni meridionali che rimarranno protette dall’alta pressione subtropicale.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

22 MAG
Insiste un po' di instabilità che nelle prossime ore favorirà ancora la formazione di improvvisi temporali in alcune zone d'Italia
21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni
22 MAG
In alcuni punti la neve supera i 10 metri!