In pubblicazione il 30 NOV 2021

METEO: piogge, freddo e nevicate. Flusso artico in arrivo dal fine settimana

Il maltempo invernale caratterizzerà il contesto italiano fino al ponte dell'Immacolata


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Residue interferenze si apprestano ad interessare parte della Penisola, frutto dell'irruzione in discesa dai quadranti settentrionali sopraggiunta nello scorso fine settimana. Il quadro meteorologico si presenterà a tratti instabile sui settori interni montani del Centro e soprattutto al Sud, specie su Puglia, messinese e reggino, con piogge e nevicate fino in collina in graduale assorbimento con il passare delle ore.

Nel frattempo una temporanea parentesi più stabile caratterizzerà le regioni settentrionali e parte delle centrali, anche grazie alla rotazione dei venti da Nord che spazzeranno via le ultime nubi, ma provocheranno una sensibile flessione delle temperature in particolare durante la notte e nelle prime ore del mattino quando la colonnina di mercurio potrebbe spingersi diversi gradi al di sotto dello zero.

Una tregua nel complesso breve, perché già da metà settimana sulla Penisola è attesa una nuova perturbazione sospinta da correnti di origine polare in quota, la quale entrerà in scena dalla porta sudoccidentale con una sostenuta ventilazione dai quadranti di Libeccio. Previste mareggiate sulle coste più esposte del Tirreno, con nuove piogge che bagneranno inizialmente la Sardegna, in rapida diffusione al Levante ligure, Toscana, Lazio, e Campania.

Il quadro meteorologico tornerà instabile su molte regioni, avremo difatti precipitazioni su gran parte del Nord, con nevicate sui rilievi da 700-800 metri, ma senza escludere sconfinamenti a quote inferiori.

Nella seconda fase settimanale è attesa un'intensificazione del maltempo con forti temporali e locali nubifragi sulle aree tirreniche centrali, fenomeni intensi che potrebbero colpire anche la città di Roma. Sull'Appennino centromeridionale tornerà a cadere la neve, sia pur in questa fase a quote medio alte, attorno ai 1.300-1.400 metri.

Alle porte del fine settimana la situazione andrà a migliorare ad iniziare dalle regioni settentrionali quando una sostenuta ventilazione settentrionale sospingerà la perturbazione verso Sud.


Weekend: nucleo gelido in arrivo

Ampi spazi sereni anche se non per tutti. Sabato 4 dicembre è difatti atteso l'ingresso di un nuovo nucleo gelido di origine artica russa che pulirà i cieli del Nord garantendo anche una sensibile flessione delle temperature, ma le correnti fredde andranno ad alimentare un vortice ciclonico sul Tirreno centrale, il quale scatenerà un peggioramento in particolare al Centro Sud.

Le prime piogge interesseranno la Sardegna e le regioni tirreniche, in graduale diffusione e intensificazione nella giornata di domenica 5 dicembre, quando toccheremo il momento culminante del maltempo con possibili forti rovesci temporaleschi specie su Lazio, Campania, Calabria e Sicilia; quota neve in calo lungo la dorsale appenninica, fino a quote collinari sui settori centrali.


Il fine settimana introdurrà un periodo invernale molto perturbato, con il vero inverno alle porte dell'Italia e che farà sentire i propri effetti con freddo e temperature fin sotto le medie climatiche nel corso della settimana dell'8 dicembre.
 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

25 MAG
Nuovo moderato peggioramento del tempo atteso nell'ultima parte della settimana
24 MAG
Sono uscite le proiezioni ufficiali, a cura di AccuWeather: vediamole insieme
24 MAG
Altra sofferenza in vista per chi non sopporta caldo
24 MAG
La perturbazione che guasterà il tempo al Nord porterà rovesci e temporali anche nel capoluogo lombardo
25 MAG
Nella data di ieri la città costiera Romagnola ha registrato il valore di temperatura minima più elevato di sempre per il mese di Maggio
8 MAG
Nonostante le piogge, talora abbondanti, la situazione idrica rimane assai critica.
26 APR
Questo grande uccello della famiglia delle Picidae ha fatto la sua comparsa in un luogo piuttosto insolito