In pubblicazione il 25 AGO 2019

Meteo: tre perturbazioni in arrivo, inizio di settembre più fresco

Temperature in calo su tutte le regioni dai primi giorni del mese


Fonte Immagine: WXCHARTS

 

Bene, la prima perturbazione atlantica lungamente attesa è giunta nella giornata di giovedì sull’Italia e potrebbe fare da apripista ad altre tre perturbazione nei prossimi dieci giorni mettendo così fine alla calura estiva, insomma potrebbe finalmente arrivare la cosiddetta burrasca di ferragosto.

Ma andiamo con ordine, tra il 25 ed il 27 di agosto il tempo si presenterà generalmente discreto su tutta l’Italia, con possibili isolati rovesci e temporali pomeridiani sulle regioni alpine e appenniniche. 

Tra il 28 ed il 31 sarà in atto un'altra perturbazione atlantica in arrivo dalla Spagna: innescherà ad iniziare dal 28 appunto rovesci e temporali sulla Sardegna e sulle regioni del Nord Ovest. 


Estensione dei fenomeni il 29 verso Sud, apportando qualche rovescio e temporale in serata sulla Calabria e sulla Sicilia; il 30 ed il 31 avremo temporali anche sulle regioni del medio Adriatico e su tutte le regioni meridionali, aree che da lungo tempo attendevano di vedere un po’ di pioggia rinfrescante tardo estiva.

Nella giornata del primo settembre subentrerà una perturbazione diretta verso Balcani e porterà rovesci e temporali sulle Alpi centro orientali e sul Triveneto. Il 2 di settembre un’altra più intensa perturbazione che probabilmente durerà fino al 5 - 6 di settembre, attiverà fenomeni intensi anche a sfondo temporalesco su tutto il Nord Italia e poi tra il 3 ed il 5 di settembre potrebbe evolvere con qualche rovescio e temporale anche fin sull’estremo sud italiano. 

Per quanto riguarda le temperature, abbiamo già percepito un primo timido calo soprattutto al Centro Nord, anche se potrebbero di nuovo aumentare il 27 ed il 28 per una temporanea ripresa dell’alta pressione nord africana: massime interno a 32 - 33 gradi sulle regioni meridionali, ma poi tra il 31 di agosto e il 2 di settembre di nuovo un sensibile calo delle temperature per effetto delle due perturbazioni appena citate. Al centro nord le temperature scenderanno al di sotto della media mentre sulle regioni meridionali si porteranno nei valori medi previsti per questo periodo dell’anno.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

21 GEN
L’aria “pulita” in natura non esiste né è mai esistita. La naturale composizione dell’aria
21 GEN
Gran parte del mese di Gennaio sembra scorrer via senza grossi sussulti sul vecchio continente
20 GEN
Secondo la statistica climatica l'evento ha discrete probabilità
19 GEN
Sarà l’ondata sognata e lungamente attesa da freddofili e nivofili?
22 GEN
La media è quasi di 10°C superiore
22 GEN
Danni pesantissimi a causa delle devastanti mareggiate, tanta neve in montagna
22 GEN
Dopo siccità ed incredibili incendi arrivano forti temporali
22 GEN
Il fumo alla fermata dell’autobus… e le scorregge? tratto da www.aduc.it