In pubblicazione il 27 OTT 2021

METEO, venerdì nuovo assalto del CICLONE mediterraneo, VENTO e NUBIFRAGI in Calabria e Sicilia

Il violento vortice di bassa pressione che insiste sul Mediterraneo Centrale causerà un nuovo forte peggioramento del tempo all’estremo Sud


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Il ciclone mediterraneo si è momentaneamente allontanato, ma nei prossimi giorni tornerà ad avvicinarsi pericolosamente alla nostra Penisola e nella giornata di venerdì, in alcune regioni, sarà nuovamente emergenza meteo a causa di venti molto forti e piogge torrenziali. Vi spieghiamo allora cosa succederà. 


Giovedì di parziale tregua, ma dura poco 

La giornata di giovedì inizierà con il violento vortice depressionario a distanza di sicurezza, confinato sulle acque di fronte alle coste libiche. Certo, non mancheranno un po’ di maltempo residuo, soprattutto in Sicilia e Sardegna, ma si tratterà di piogge per lo più isolate, di breve durata e non intense. Tuttavia la calma non durerà a lungo. Nel suo lento vagabondare attraverso il mediterraneo Centrale, confinato dal campo di alta pressione che lo stringe tutt’attorno, il vortice depressionario già nella seconda parte di giovedì tornerà lentamente ad avvicinarsi alla nostra Penisola: ecco allora che tra la sera e la notte violenti acquazzoni, accompagnati da vento molto forte, torneranno a sferzare la Sicilia Orientale e il sud della Calabria. Sarà il preludio a un venerdì davvero difficile, in cui il ciclone, che nel frattempo potrebbe anche essersi tramutato in un Medicane (ne parliamo in un altro articolo) investirà direttamente la Sicilia. Venerdì sarà quindi una giornata caratterizzata da venti tempestosi e numerosi forti temporali e acquazzoni su tutta la Sicilia e il versante ionico della Calabria, con qualche pioggia che, comunque meno diffusa e meno intensa, coinvolgerà anche la Basilicata Ionica e l’est della Sardegna. Gli accumuli più elevati, come confermato dalle elaborazioni dei nostri modelli, sono attesi sul versante settentrionale della Sicilia, dove potrebbero cadere tra 100 e 300 mm di piogia in 24 ore (nella mappa le tonalità del giallo-arancione).


Mappa delle precipitazioni cumulate in 24 ore per la giornata di venerdì 29 ottobre 

Il fine settimana per uscire dal tunnel

La situazione rimarrà critica fino alle prime ore di sabato, poi il ciclone, complice anche il suo spostamento sulla Sicilia, dove verranno a mancare le grandi quantità di calore e umidità garantite dalla superficie marina, andrà rapidamente smorzandosi. Dopo una mattinata in cui forti rovesci bagneranno ancora il nord della Sicilia e la Calabria Ionica, le piogge si esauriranno rapidamente nella seconda parte di sabato, quando anche l’intensità del vento calerà sensibilmente. Sarà il segnale del definitivo dissolvimento dell’intenso ciclone mediterraneo: un miglioramento che aprirà la strada a una domenica in cui in Calabria e Sicilia il tempo sarà discreto, con il sole che tornerà a far capolino tra le nubi e pochi piovaschi residui di scarsa importanza. 

 

Gli approfondimenti del TEAM DI ESPERTI MeteoGiuliacci

La Meteorologia e la Climatologia di forte AIUTO all'AGRICOLTURA: ecco come!

Grosse NOVITA' METEO in arrivo a NOVEMBRE: da leggere con attenzione!

AUTUNNO, la stagione a maggior RISCHIO FENOMENI ESTREMI !!

L'INVERNO al POLO NORD? Non è come ve lo immaginate! VI STUPIRA' !!!

PREVISIONI a lungo termine, quanto sono AFFIDABILI? Risposta IMPREVEDIBILE!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

3 DIC
Freddo neve e gelo nella prima e ultima decade, quella natalizia
3 DIC
Le proiezioni dei modelli fisico-matematici confermano gli scenari nevosi su alcune regioni del nostro Paese
3 DIC
Il fine settimana sarà interessato da temperature basse e precipitazioni diffuse, in alcune zone nevose a bassa quota!
3 DIC
Dal primo weekend di dicembre al ponte dell'Immacolata l'inverno sembra voler dare sfoggio di se, con l'arrivo in Emilia-Romagna di alcuni impulsi freddi e perturbati
17 NOV
Forti temporali con nubifragi e grandinate
12 NOV
Le zone di Catania ed Agrigento quelle piu' colpite dai nubifragi, danni ingenti