In pubblicazione il 19 MAR 2019

Migliora al Nord, variabile al Centro ed al Sud con piogge e temporali

L'alta pressione torna sulle regioni settentrionali. Siccità ancora molto elevata su Piemonte e Lombardia


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

La perturbazione giunta nella giornata di ieri, lunedì 18 marzo, sulla nostra Penisola portando aria piuttosto fresca, insiste ancora su parte del Paese, in particolare sulle regioni del medio Adriatico ed al sud, mentre le ultime nubi stanno abbandonando le aree settentrionali. 

Il quadro meteorologico si presenterà quindi nella giornata di domani da variabile ad instabile con piogge e locali rovesci sulle basse Marche, Abruzzo, Molise e sulle regioni meridionali, comprese le nostre due Isole Maggiori, mentre al Nord avremo ampi spazi sereni ed un buon soleggiamento.

Deboli nevicate non sono escluse sui rilievi abruzzesi oltre 1000 - 1200 metri; continuerà ad insistere una vivace ventilazione dai quadranti nord orientali, venti a tratti forti in particolare sull'Adriatico e sulle regioni tirreniche centro meridionali.

Le temperature subiranno una ulteriore lieve diminuzione, portandosi quasi ovunque al di sotto dei 15 gradi. 


Avremo ancora qualche ora sotto gli effetti dei freddi venti settentrionali, prima di una nuova stabilizzazione del tempo che inizierà a prendere piede nella giornata di domani, giovedì 21 marzo, quando l’alta pressione si allungherà di un nuovo sull’Europa centrale portando cieli quasi ovunque sereni. 

Un po’ di variabilità con piogge sostanzialmente deboli si attarderà sulle Isole Maggiori per la presenza del blando vortice depressionario ubicato sul Nord Africa. 

La siccità che interessa soprattutto Piemonte e Lombardia sarà quindi destinata a persistere.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

26 GIU
Temperature in calo tra venerdì ed il weekend, ecco dove.
26 GIU
Temperature eccezionali anche in Italia, in particolare sulla Val Padana occidentale
26 GIU
Temperature eccezionalmente alte per il mese, sarà una delle ondate di caldo più intense mai osservate a giugno
Africano al top tra il 27 e il 28 giugno
25 GIU
Concordo circa la data della sua fine i principali modelli