In pubblicazione il 12 FEB 2021

Neve fin sulle coste e clima rigido. L’inverno alza la voce nel weekend

L'Emilia-Romagna si appresta a vivere un'irruzione molto fredda, determinata dalla discesa di correnti gelide russo-siberiane che spianeranno la strada ad una perturbazione. Entro domenica sera il tempo tornerà stabile con un clima più asciutto ma rigido


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

La nostra regione si appresta ad affrontare una svolta decisiva, con una fase di forte raffreddamento che ci riporterà a delle condizioni pienamente invernali. Questa ondata particolarmente fredda, che irromperà dai Balcani con l’aiuto di gelidi e intensi venti settentrionali, sarà destinata a tenerci compagnia per gran parte della nuova settimana, favorendo un sostanzioso calo delle temperature anche di 8-10 gradi, e risultando così ben al di sotto delle medie del periodo. Questo clima rigido e ventoso, darà luogo alla formazione di una profonda depressione sulla Sardegna, che nella prima parte del week-end andrà ad intensificarsi lungo il Tirreno, portando un nuovo peggioramento, tra venerdì e sabato, con delle nevicate fino quote molto basse.


La settimana che sopraggiunge in Emilia-Romagna sarà caratterizzata dall’aumento della pressione atmosferica e da condizioni più stabili e asciutte, tuttavia, la presenza di cieli maggiormente soleggiati contribuirà ad un ulteriore diminuzione delle temperature minime, che oltre a risultare ampiamente negative, potranno raggiungere valori di -6/-7 gradi in pianura e di -12/-13 gradi in Appennino, favorendo la formazione di gelate piuttosto estese. Nel proseguo, la circolazione atmosferica sembra rimanere ancora vincolata agli effetti di questa massa d’aria gelida posizionata tra l’Europa orientale e il Mediterraneo, la quale, rinnoverà, sulle regioni adriatiche e quindi anche sui settori orientali della nostra regione, la discesa di fredde correnti settentrionali. Inoltre, la persistenza di un promontorio scandinavo sull’Europa occidentale, oltre a favorire queste condizioni per periodi relativamente lunghi, potrebbe non garantire la stabilità atmosferica, facilitando, di tano in tanto, l’ingresso di veloci perturbazioni, con nuovi spunti di maltempo e ulteriori nevicate a quote molto basse. Le precipitazioni nel complesso si prospettano comunque nella norma del periodo, mentre le temperature, sebbene siano previste risalire leggermente durante la settimana, rimarranno ancora inferiori alla media climatologica.


In definitiva ci attende un venerdì con un estesa copertura nuvolosa su tutta la regione e cieli da molto nuvolosi a coperti, con deboli precipitazioni a carattere sparso e intermittente. Deciso peggioramento tra il pomeriggio e la sera che estenderà le precipitazioni dai rilievi centro-occidentali a tutto il territorio regionale, in prevalenza a carattere debole ma con accumuli più significativi sui crinali. Neve sino a quota di pianura sul settore emiliano, mentre in Romagna la quota viene prevista inizialmente attorno a 3-400 metri in successivo abbassamento fino alla pianura. Fenomeni misti possibili in tarda serata anche sulle coste. Sabato: nevicate in nottata con episodi a tratti moderato e parziale coinvolgimento dei settori costieri. Fenomeni che ben presto tenderanno ad esaurirsi sulle pianure settentrionali, con cieli inizialmente coperti su tutta la regione. Precipitazioni su pianure romagnole, costa riminese, e lungo la fascia appenninica, in esaurimento nel corso della mattinata. Nel pomeriggio, tendenza ad un diradamento della nuvolosità seguito da ampie schiarite; nubi più compatte nelle aree occidentali della regione e residua nuvolosità in Romagna. Possibili accumuli di neve a fine evento: tra 0 e qualche centimetro sulle coste; da 1 a 5cm. sulle pianure; da 5 a 15cm. tra zone interne e alta collina; fino a 20cm. o poco più in Appennino. Domenica: torna a splendere il sole su gran parte della regione con cieli sereni o poco nuvolosi, eccezion fatta per degli addensamenti medio-bassi sulla Romagna in transito dal mare verso l’entroterra, dove non si esclude qualche fiocco di neve in caso di nuvolosità più compatta, specie nella prima parte del giorno, ma in successivo e graduale diradamento.

Temperature: in forte diminuzione con minime comprese tra 0 e -6 gradi contraddistinte da estese gelate; massime comprese tra 0 e 4 gradi. Venti: moderati o forti da nord-est con rinforzi su mare, settore costiero e rilievi. Mare: molto mosso fino agitato al largo.

Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato e divulgatore scientifico AMPRO Meteo Professionisti



Fonte Articolo: Meteoroby

ULTIMI ARTICOLI

12 APR
Una nuova perturbazione sta attraversando l'Italia e porterà sul nostro Paese diffuso maltempo e generale calo delle temperature
10 APR
La perturbazione che ha investito l’Italia porterà piogge diffuse, in alcune regioni anche piuttosto insistenti e abbondanti
10 APR
Forte maltempo da stasera a martedì, NON CI SONO PIU DUBBI
8 APR
Catastrofiche gelate che hanno decimato i raccolti. Avevamo già messo in conto una situazione potenzialmente pericolosa.
8 APR
I bruschi cambiamenti del clima previsti per i prossimi decenni potrebbero rendere particolarmente incerto e instabile il panorama economico globale
7 APR
Impressionante colonna di fumo, visibile da decine e decine di km.