In pubblicazione il 14 MAG 2019

Nucleo gelido raggiunge la Penisola: freddo e temporali anche mercoledi 15 maggio

L’impulso scandinavo scivola verso Sud, si toccheranno i -2°C sul piano isobarico dei 850hpa


Fonte Immagine: PIVOTAL

 

Situazione davvero incredibile in questa particolare primavera, anche se andrà un po’ meglio nella giornata di mercoledì 15 maggio in particolare sul nord ovest con delle nuvole intervallate da maggiori aperture. Qualche raggio di sole quindi sul Piemonte occidentale, sulla Val D'Aosta e sulla Lombardia, ma attenzione a possibili rovesci e temporali anche di forte intensità sulla Sardegna, deboli moderati anche sul Nord Est in discesa verso l'Emilia Romagna, ove su quest’ultime andranno ad esaurirsi nel corso della giornata.

Quadro meteorologico in peggioramento invece al Centro e al Sud, soprattutto nelle ore centrali del giorno, con addensamenti ad evoluzione diurna sui rilievi che produrranno dei rovesci di pioggia e temporali, accompagnati localmente anche da qualche grandinata.

Le temperature subiranno un ulteriore calo grazie al nucleo deposto in area scandinava che nelle prime ore del giorno, attraverso il nastro trasportatore già attivo in quota, passerà sulla pianura padana rotolando rapidamente verso le regioni centrali e successivamente meridionali.


Non mancheranno possibili fiocchi di neve dai 1000 metri di quota lungo l’Appennino settentrionale.

I valori termici sul piano isobarico di 850 hPa (circa 1400 metri di quota) torneranno di nuovo sotto lo zero con picco in Romagna di -2°C alle 7,00 locali e quella a circa 5500 metri (livello di 500 hPa) vicino ai -30°C.

La colonnina di mercurio rimarrà perciò ancora al di sotto delle medie del periodo, ricordiamoci che siamo ormai praticamente ad un passo dall’estate meteorologica, mancano appena 15 giorni, e siamo davvero indietro tant’è che probabilmente quando scoppierà il caldo ci sarà uno sbalzo incredibile.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

22 MAG
Insiste un po' di instabilità che nelle prossime ore favorirà ancora la formazione di improvvisi temporali in alcune zone d'Italia
21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni
22 MAG
In alcuni punti la neve supera i 10 metri!