In pubblicazione il 14 MAR 2019

Peggiora da domenica, temperature in crollo la prossima settimana

Aria fredda dalla Groenlandia attiverà il classico colpo di coda invernale


Fonte Immagine: PIVOTAL

 

Nei precedenti editoriali avevamo accennato la possibilità di un probabile colpo di coda a partire dal 20 marzo con intrusione di aria più fredda in discesa dai quadranti settentrionali. Anche oggi, venerdì 15 marzo, i modelli ci confermano questa eventualità, anche se non prima di un brusco rialzo delle temperature che ci accompagnerà nelle prossime 48 ore.

Ma andiamo con ordine: sarà un weekend caratterizzato inizialmente da qualche disturbo con dei piovaschi sulle due Isole Maggiori, ma con il passare delle ore avvertiremo un generale miglioramento anche sulle aree interessate dai residui fenomeni, in particolare quelle del basso Tirreno. 

Il quadro meteorologico si presente invece già bello sulle regioni del centro-nord e parte delle meridionali, con al più un po di velature sulle regioni settentrionali, con locali fioccate sull'Arco Alpino soprattutto sui versanti esteri. 


L’alta pressione garantirà tra l'altro temperature in ulteriore rialzo, tant'è che sulla pianura Padano Veneta e sulle regioni Adriatiche le massime si porteranno ovunque superiori ai 20 gradi, con punte tra 20 - 25 gradi

Il temporaneo rinforzo dell'anticiclone sull’Italia culminerà alla fine di domenica quando giungerà dalla Groenlandia un nucleo di aria più fredda la quale fra lunedì 18 e martedì 19 si propagherà su tutte le regioni centro settentrionali con venti freddi provenienti dai Balcani. 

Le temperature crolleranno di 6 - 8 gradi, ma localmente fino a 10 gradi, sulle regioni del medio alto adriatico e comunque le massime scenderanno sotto i 15 gradi lungo tutta la Penisola. Temperature quindi intorno ai 10 gradi su gran parte del Centro Nord e tra l’altro nelle giornate del 20 ed il 21 marzo le sostenute correnti dai settori nord orientali dai Balcani esalteranno ancor più la sensazione di freddo.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

Temperature alla quota di 1500m circa previste per la fine del 3 giugno
25 MAG
Il grande assente del momento e la delusione dei cladofilli
24 MAG
Continua la fase piovosa e relativamente fresco. All'orizzonte però si intravede la possibilità di un primo cambiamento dello scenario meteorologico
24 MAG
Ecco perché piogge e fresco insistono ormai da 2 mesi. Occhio alla legge di compensazione!
Satellite alla ore 09.00 di venerdì 24
24 MAG
Anticiclone africano ancora... in lista di attesa
23 MAG
Ancora molti temporali, anche di forte intensità
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni