In pubblicazione il 22 LUG 2019

Settimana di caldo intenso, soprattutto in alcune regioni

Molto caldo, con il fastidio dell’afa, in gran parte del Paese e in particolare nelle aree in cui si farà maggiormente sentire l’azione dell’alta pressione


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Un Anticiclone Nord-Africano particolarmente “prepotente” caratterizzerà le condizioni meteo durante tutta la settimana, scatenando un’intensa ondata di caldo che in alcune aree d’Italia spingerà su le temperature fino alla soglia dei 40 gradi. Il promontorio anticiclonico infatti si allungherà con decisione da Algeria e Marocco verso nord occupando così tutta l’Europa Occidentale, con parziale coinvolgimento del settore centrale del continente e anche dell’Italia, dove l’azione dell’alta pressione si farà sentire soprattutto sul versante occidentale della Penisola.

E’ soprattutto al Nord, regioni tirreniche e Sardegna che, quindi, si faranno maggiormente sentire gli effetti dell’alta pressione africana: in queste zone infatti la colonna atmosferica verrà schiacciata, e quindi riscaldata, più che nel resto d’Italia, e inoltre sono proprio queste le regioni che verranno più coinvolte dall’afflusso di correnti bollenti di origine sahariana.


Ecco allora che durante tutta la settimana le temperature massime rimarranno quasi dappertutto posizionate al di sopra dei 30 gradi, e in diverse regioni, specie tra mercoledì e venerdì, raggiungeranno facilmente i 35-36 gradi, con la possibilità anche di picchi locali fino a sfiorare (se non addirittura raggiungere) i 40 gradi. In particolare le regioni più bollenti, dove il caldo afoso sarà più intenso, saranno Lombardia, Veneto, Trentino, Alto Adige, Emilia, Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna, e di conseguenza tra le città in cui l’ondata di calore sarà più soffocante spiccheranno anche Milano, Bologna, Verona, Firenze, Perugia e Roma.            



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 GEN
Una perturbazione aggiungerà l'Italia e farà sentire in suoi effetti, in termini di piogge e nevicate, soprattutto nel fine settimana
21 GEN
L’aria “pulita” in natura non esiste né è mai esistita. La naturale composizione dell’aria
21 GEN
Gran parte del mese di Gennaio sembra scorrer via senza grossi sussulti sul vecchio continente
20 GEN
Secondo la statistica climatica l'evento ha discrete probabilità
22 GEN
La media è quasi di 10°C superiore
22 GEN
Danni pesantissimi a causa delle devastanti mareggiate, tanta neve in montagna
22 GEN
Dopo siccità ed incredibili incendi arrivano forti temporali
22 GEN
Il fumo alla fermata dell’autobus… e le scorregge? tratto da www.aduc.it