In pubblicazione il 25 GEN 2021

TENDENZA METEO, la prossima ondata di maltempo nel fine settimana

Una intesa perturbazione riporterà sull'Italia molte piogge, molto vento e anche la neve a bassa quota


Fonte Immagine: Pixabay

Nella parte centrale della settimana il maltempo ci darà un po' di tregua, ma le perturbazioni atlantiche non si dimenticheranno facilmente del nostro Paese e già nel prossimo fine settimana torneranno ad aggredire con decisione la nostra Penisola, portando una nuova ondata di intenso maltempo ancora una volta concentrata soprattutto al Centrosud Isole. Le proiezioni odierne vedono insomma un fine settimana ricco di pioggia, vento e anche neve. Chiaramente si tratta di una proiezione, che descrive tra l'altro una situazione decisamente vivace e complesso, per cui i dettagli del maltempo mantengono un grado di incertezza non trascurabile. Ma ecco comunque come, in base alle uscite odierne dei nostri modelli, dovrebbe svilupparsi la situazione meteo nel fine settimana.


Inizialmente, nella giornata di sabato, pioverà soprattutto al Nord e sulle regioni del versante tirrenico, con le piogge più intense che probabilmente bersaglieranno il Nordest, la Liguria e la Toscana. Sulle Alpi cadrà la neve al di sopra dei 700-1000, ma con quota delle nevicate in abbassamento alla fine del giorno, quando i fiocchi si spingeranno fino a quote collinari. Sull'appennino Settentrionale, inizialmente bagnato in prevalenza da pioggia, la neve arriverà tra sera e notte, quando si spingerà anche al di sotto dei 1000 metri, mentre sui rilievi del Centro, almeno nella giornata di sabato, verranno imbiancate solo le vette più alte.


Il giorno successivo il grosso del maltempo si sposterà verso Sud. La giornata di domenica vedrà quindi piogge diffuse su Emilia, Romagna, tutte le regioni centrali, Campania, Calabria Tirrenica, Sicilia e Sardegna, con la possibilità di temporali, e quindi piogge anche intense, lungo le coste tirreniche. La neve scenderà fino a quote collinari sull'Appennino Settentrionale e al di sopra dei 600-1000 metri sui rilievi del Centro ma, attenzione, a fine giornata in Toscana, Umbria e Marche i fiocchi potrebbero scendere fino a quote davvero molto basse, con qualche sorpresa importante. E come se non bastessa, domenica anche il vento potrebbe creare grossi problemi, spazzando con violenza diverse zone d'Italia e in particolare il Tirreno e le Isole Maggiori. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

6 MAR
La perturbazione giunta dal Nord Europa sta facendo sentire i suoi effetti su molte zone del Paese
5 MAR
Le correnti fredde che scivoleranno sulla nostra Penisola favoriranno il temporaneo ritorno a condizioni meteo più invernali
5 MAR
L'alta pressione scalzata da tre perturbazioni cederà il posto a episodi di maggiore instabilità in Emilia-Romagna, anche nella nuova settimana
5 MAR
Due perturbazioni all’assalto dell’Italia, interessata da un moderato peggioramento delle condizioni meteo
3 MAR
Nuovi dati mostrano, su scala planetaria, un innalzamento del livello dei mari pari a quello descritto dagli scenari peggiori
2 MAR
Evacuazioni da parte delle autorità locali