In pubblicazione il 3 AGO 2016

Estate in affanno, arrivano fresco e temporali

Una nuova perturbazione tra venerdì e domenica porterà numerosi temporali e un sensibile calo delle temperature


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Alla fine di domani sull’Italia piomberà una perturbazione capace di mettere seriamente in crisi l’estate: questa volta infatti i temporali interesseranno in modo deciso anche le regioni meridionali e saranno accompagnati da una sensibile rinfrescata, capace di spingere le temperature al di sotto delle medie stagionali.

Tutto inizierà nella serata di domani, quando i primi refoli di aria fresca atlantica innescheranno dei temporali anche forti sulle Alpi Centrali e Occidentali, da dove poi nel corso della notte le nubi temporalesche invaderanno progressivamente le pianure di Piemonte e Lombardia: tra sera e notte quindi i lampi torneranno a illuminare anche i tetti di Milano (qui il dettaglio di Milano) e Torino (qui il dettaglio di Torino).

Venerdì le correnti atlantiche si propagheranno a gran parte del Centronord, innescando numerosi temporali soprattutto al Nordest e nelle regioni del medio versante adriatico: proprio qui, tra Romagna, Marche e Abruzzo, è forte il rischio che si formino temporali violenti, associati a grandine, forti raffiche di vento se non addirittura veri e propri nubifragi. Al Nord le temperature andranno giù in picchiata, e difficilmente oltrepasseranno i 28 gradi, tenendosi in diverse località addirittura sotto i 25 gradi; calo termico anche al Centro e in Sardegna, dove però i valori avranno ancora un sapore estivo, mentre al Sud regnerà ancora (per poco) il caldo intenso.

L’aria fresca di origine atlantica, per contrasto con le calde acque del mare, una volta entrata nel Mediterraneo favorirà la formazione di un vortice di bassa pressione che poi insisterà sulla nostra Penisola per tutto il fine settimana, guastando a tratti il tempo soprattutto al Centrosud. Quindi mentre al Nord il rialzo della pressione garantirà il ritorno del bel tempo e di temperature più consone al periodo, al Centrosud il sole sarà costretto a spartire la scena con nuvole e improvvisi temporali, a tratti anche di forte intensità, mentre le temperature scenderanno di diversi gradi, rimanendo quasi dappertutto al di sotto di 30 gradi fatta eccezione per Salento Calabria, Sicilia e Sardegna, dove resisterà un po’ di caldo vero.


Per di più il fine settimana al Centrosud sarà decisamente ventilato, con i freschi venti di Maestrale che spazzeranno con insistenza soprattutto il versante tirrenico e le Isole, e quindi la relativa sensazione di “fresco” verrà accentuata anche dal vento.

L’alta pressione farà fatica a sfrattare questo vortice di bassa pressione che, per quanto indebolito, vagherà al di sopra dei mari attorno alla nostra Penisola anche agli inizi della prossima settimana: un po’ di instabilità quindi anche tra lunedì e martedì, anche se le piogge piano piano si esauriranno e il sole tornerà gradualmente a impadronirsi di molte zone del Centrosud, in generale però senza riuscire a spingere la colonnina di mercurio dei termometri più su dei 32-33 gradi, e con la maggior parte dei capoluoghi in cui le massime rimarranno inchiodate attorno ai 28-30 gradi.    

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 FEB
Fitti banchi di nebbia e più nubi lungo i settori Tirrenici. Aumenta l'umidità nei bassi strati
Temperature.a1500m il 23 febbraio
18 FEB
Dal molto caldo al molto freddo 
18 FEB
Arriva il preannunciato nucleo di aria polare al Centrosud
18 FEB
Un campo di alta pressione ben saldo continua a dominare l'Europa centro-orientale
17 FEB
Diverse le alluvioni lampo negli ultimi mesi nel Paese
17 FEB
Situazione allarmante per la Pianura Padana: PM10 a livelli critici per la salute
17 FEB
Il bel tempo è un toccasana per l’umore, ma nella stagione invernale non per l’ambiente
17 FEB
Temperature tipiche di fine Marzo/metà Aprile!