In pubblicazione il 21 MAG 2016

Fine settimana con tanto sole e un po' di caldo

Grazie all'alta pressione il tempo sarà bello in gran parte d'Italia e le temperature saliranno quasi ovunque di qualche grado oltre le medie stagionali


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

 

Un fine settimana dal profumo quasi estivo, con l'alta pressione che occuperà gran parte del nostro Paese, favorendo così condizioni di tempo bello e stabile: ecco quello che ci attende tra oggi e domani.


In particolare oggi, sabato, inizio giornata con un po' di nuvolosità residua (eredità della perturbazione in allontanamento) sulle estreme regioni meridionali, con il rischio anche di qualche breve acquazzone, specie nel Salento e in Calabria; poi nel pomeriggio ampie schiarite anche su questa parte del Paese. Nel resto d'Italia invece la giornata sarà in generale bella e soleggiata. Le temperature già oggi saliranno e nel pomeriggio ci atetndono valori tipici di fine primavera. Venti moderati, settentrionali o di Maestrale, soffieranno sulle regioni meridionali.

Domani, domenica, splenderà il sole in quasi tutta l'Italia anche se con il passare delle ore aumenteranno le nuvole al Nordovest per l'avvicinarsi di una nuova perturtbazione i cui effetti però avvertiremo più che altro nella giornata di lunedì: in Piemonte, Valle d'Aosta e Lombardia fra tardo pomeriggio e sera potrebbero quindi formarsi i primi temporali, che poi nel corso della notte andranno a interessare una bella fetta del Nord e la Toscana. Le temperature saliranno ulteriormente, specie al Centrosud, dove si farà sentire un po' di caldo quasi estivo, con punte oltre 25 gradi in numerose località: sarà quindi una domenica con temperature sopra la norma in quasi tutte le regioni, a eccezione del Nordovest dove la presenza di qualche nuvola in più limiterà il rialzo termico. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
satellite alla ore 16.00 di  domenica 21 ottobre
21 OTT
Prudenza, soprattutto su regioni del medio Adriatico e al Sud
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica