In pubblicazione il 29 NOV 2018

Freddo assente per i prossimi 10 giorni. Quando si sblocca la situazione?

L'inverno non si ancora sentire, ma abbiamo buone novità per voi circa il prossimo periodo invernale

La situazione della neve sul continente europeo
La situazione della neve sul continente europeo
Fonte Immagine: WXCHARTS

 

Come ricordato nell'ultimo editoriale, (Leggi anche: Bel tempo al capolinea, di nuovo maltempo nel weekend) la fase perturbata durerà pochi giorni, perché già all'inizio della nuova settimana subentrerà ancora l’anticiclone, ma questa volta si attarderà per più tempo, coinvolgendo l’intero territorio nazionale.

Sarà quindi la volta dell’alta pressione delle Azzorre che si porterà sull'Europa occidentale. Sotto la pressione del flusso atlantico evolverà lentamente verso il Mediterraneo, per cui arriverà un periodo più convincente di stabilità atmosferica, disturbata di tanto in tanto da qualche infiltrazione instabile.
Rimarranno difatti ai margini del sistema le regioni nord orientali, interessate dai possibili disturbi depressionari che implicheranno gli Stati orientali europei.

Freddo non pervenuto

L’analisi delle ultime emissioni modellistiche non intravedono sino a fine periodo previsionale ondate di freddo rilevanti per il nostro paese. Freddo che però avrà modo di accumularsi sull'Europa orientale ed in particolare sulla Russia e sulla Siberia. 

Ma c'è una buona notizia, perché il periodo anticiclonico che arriverà a breve sarà molto utile per le sorti del prossimo periodo invernale, difatti il muro che verrà elevato dall’alta pressione permetterà la formazione di un pozzo gelido a pochi passi dal Mediterraneo e le future retrogressioni potrebbero assumere entità degne di nota.


Non sarà comunque un periodo monotono, perché le insidie non mancheranno e avranno l'onere di spezzare la stasi barica con rapide parentesi più dinamiche. Tutto da confermare, ma è in via di definizione il passaggio di una fugace perturbazione in discesa tra l’Italia e Balcani nei giorni che precederanno l’Immacolata.

Russia in sensibile raffreddamento  

Il vasto pozzo gelido presente sulla Siberia occidentale andrà quindi ad espandersi gradualmente verso la Russia europea. Con l’avanzare della stagione invernale questa aria fredda dilagherà ulteriormente verso Ovest. 

Quando il freddo sull’Italia? Tutto dipenderà dell’intensità del flusso oceanico, ora molto - troppo - vivace.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

16 DIC
Temporali in arrivo domani al Centro-Sud, in particolare sul basso Tirreno e sostenuta ventilazione in rinforzo
16 DIC
Le perturbazioni atlantiche si alterneranno all’anticiclone. Giornate a tratti soleggiate ma anche fenomeni abbondanti
16 DIC
Prime nevicate in pianura su Piemonte e Lombardia, trasferimento dei fenomeni sulle nord orientali e regioni centrali
14 DIC
Coinvolte anche le regioni occidentali. Fenomeno probabile su Piemonte, Lombardia, Emilia e Veneto
12 DIC
Valori molto bassi anche sull'Appennino centrale
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè