In pubblicazione il 11 MAR 2016

Neve in pianura la prossima settimana: arriverà davvero?

Alcune delle ultime corse del modello ECMWF indicano la possibilità di un poderoso colpo di coda invernale a metà della prossima settimana, con la neve che si spingerebbe addirittura fin sulle pianure del Nord


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Il modello ECMWF negli ultimi due giorni ha mostrato per la metà della prossima settimana scenari davvero interessanti, con l’arrivo da est di un nucleo di aria fredda che dovrebbe portare un nuovo brusco calo delle temperature accompagnato da nevicate fino a quote molto basse. In particolare, secondo queste proiezioni, l’inverno dovrebbe tornare ad alzare la voce nella giornata di mercoledì, con temperature in picchiata in gran parte d’Italia e nevicate fino a quote molto basse al Centronord, anche in pianura in Piemonte, Lombardia e Veneto. Insomma, è davvero giunto il momento della neve anche per Milano, Brescia e Verona?


In realtà, per quanto questo sia uno degli scenari possibili (validità a +120/+144 ore, per quanto con attendibilità limitata, non sono certo fantameteo), le probabilità rimangono comunque basse, come confermato anche dal fatto che gli ensemble del medesimo modello (ECMWF) indicherebbero in realtà una configurazione in parte differente, con lo scivolamento del nucleo freddo, e di conseguenza anche delle nevicate, un po’ più a sud. Insomma, il rigurgito d’inverno appare in effetti probabile, mentre l’entità del freddo e soprattutto la distribuzione delle eventuali nevicate appaiono ancora assai incerti.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Diverse parentesi di maltempo in vista, ma non mancheranno anche momenti più stabili con spazi sereni
Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica