In pubblicazione il 25 SET 2015

Presto primo assaggio di freddo fuori stagione?

Tra mercoledì 30 settembre e venerdì 2 settembre probabile freddo notturno e mattutino


Fonte Immagine: PublicdomainPictures su pixabay.com

 

Il lago di aria fredda lasciato sul Mediterraneo  occidentale dalla perturbazione Nord atlantica giunta sabato scorso, verrà improvvisamente di nuovo rinvigorito alimentato, soprattutto sul Nord Italia e  tra mercoledì e giovedì della prossima settimana, da aria più fredda in arrivo dai Balcani (fig.1).

Da qui un crollo delle temperature fino a 4-6 gradi sulle principali città del Nord Italia (vedi grafici della temperatura  Milano, Torino, Bologna, Venezia)

Gli effetti si avvertiranno non tanto sulle temperature massime che comunque resteranno ancora gradevoli sul Nord Italia e su valori intorno 21-24 gradi e quindi gradevoli.  Ma anche le temperature minime notturne subiranno un pari decremento e quindi è presumibile che tra mercoledì e giovedì sul Nord Italia, anche in pianura, le temperature minime notturne e del primo mattino scendano 4-6 gradi sotto la media. E siccome la media climatica delle temperature minime  sul Nord Italia  per la fine di settembre e i primi di ottobre è intorno +12 °C, questo significa che di notte e al primo mattino i valori più probabili nella painura padano-veneta saranno intorno 6-8 gradi.


Se fosse così sarebbe il primo assaggio di freddo su tutto il Nord Italia

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo