In pubblicazione il 22 MAG 2016

Rovesci e temporali al Nord Italia Lunedì 23 Maggio

Nuove correnti Atlantiche in arrivo, pioggia e qualche temporale: ecco dove


Fonte Immagine: Mattia Palombo

 

Dopo un weekend meraviglioso il tempo è pronto a peggiorare nelle prossime ore, tra la sera e la notte a partire dai settori occidentali del nord Italia.

L'entrata di aria più fredda in quota determinerà il veloce passaggio di un minimo depressionario che porterà nuvole, pioggia e qualche temporale. Al mattino i cieli si presenteranno spesso nuvolosi o coperti al Nord Ovest con precipitazioni tra Valle d'Aosta, Piemonte e Liguria centrale, in spostamento verso la Lombardia, l'Emilia occidentale e settori alpini di Trentino e Veneto. Dal primo pomeriggio i rovesci tenderanno a spostarsi velocemente su Toscana, Emilia orientale e Romagna e Triveneto. Qualche rovescio tra pomeriggio e sera è atteso anche fra Umbria e Marche settentrionali.


I rovesci potrebbero assumere carattere di temporale, specialmente tra la pianura centrale del Pimeonte e Lombardia occidentale al mattino, nel pomeriggio invece anche su Triveneto ed Emilia Romagna. Le temperature risulteranno in calo di 5/8°C rispetto alla gironata di domenica, in alcune zone il calo sarà superiore ai 10°C.

Sotto le immagini di: pioggia prevista al mattino, pioggia prevista nel primo pomeriggio, rischio temporali al mattino, rischio temporali al pomeriggio, pioggia totale della giornata



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Diverse parentesi di maltempo in vista, ma non mancheranno anche momenti più stabili con spazi sereni
Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica