In pubblicazione il 30 APR 2016

Torna la neve sulle Alpi, abbondante sui settori occidentali

Neve mediamente oltre i 1300/1600 metri


Fonte Immagine: Neve

 

La goccia fredda in arrivo sulla nostra Penisola riporterà il maltempo da Nord a sud ma anche la neve. L'aria fredda in discesa dall'Europa determinerà la formazione di un minimo depressionario nel Tirreno il quale riporterà precipitazioni diffuse sulle Alpi con neve a tratti abbondante. Le aree più colpite saranno quelle del nord ovest, specialmente Piemonte, Valle D'Aosta e Lombardia. Qui la neve tornerà a cadere già dal pomeriggio di sabato, mediamente oltre i 1600 metri ma le precipitazioni intensificheranno nella notte con quota neve in calo localmente anche a 1200 metri. Sarà questo il momento con maggiori nevicate sui settori nord occidentali. Domenica 1° Maggio le precipitazioni saranno intermittenti al Nord ovest, più continue sui settori orientali delle alpi. La quota neve sarà generalmente compresa tra 1300 e 1700 metri. La giornata di lunedì 2 maggio vedrà ancora deboli nevicate al mattino sui settori orientali delle Alpi mentre migliorerà al Nord Ovest.

In basso la mappa del nostro modello sull'accumulo previsto tra Sabato, Domenica e Lunedì: lievi nevicate sui rilievi dell'Appennino centrale, nevicate di 10/20 cm sulle Alpi orientali, abbondanti accumuli invece al Nord ovest sulle Alpi di confine.

Le mappe sull'accumulo totale previsto le trovate QUI

Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

Temperature previste alle ore 14.00 il  25 settembre
22 SET
 Un evento meteo gradito ai più. Ecco quale
Dalla prossima settimana l'Europa piomba in autunno
21 SET
L’estate settembrina, l’ultima fase prima di un profondo cambiamento del tempo
Temperature a 1500m previste pe r il 25 settembre
21 SET
Arriva la prima staffilata atlantica. Poi una seconda? 
21 SET
Dall'estate... al vero autunno, in poche ore!
22 SET
Video di una telecamera di sicurezza. Penetrando in atmosfera ha provocato un forte boato
20 SET
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
18 SET
Un nuovo studio raddoppia le morti provocate dallo smog