In pubblicazione il 15 GIU 2015

Un metodo per classificare le nevicate storiche

Negli USA catalogate le peggiori nevicate di sempre


Fonte Immagine: NOAA

 

La descrizione della potata di una nevicata non è semplice, soprattutto perché il suo impatto dipende tanto dalla superficie di terreno interessata, quanto dallo spessore del manto nevoso piuttosto che dalle caratteristiche delle regioni interessate e quindi dall’intensità dei disagi arrecati.

Da qualche anno però gli studiosi della NOAA per classificare le nevicate stanno utilizzando un nuovo metodo che tra l’altro ha consentito loro di stilare una graduatoria delle più violente bufere di neve che hanno colpito gli Stati Uniti nel Dopoguerra: si tratta del Northeast Snowfall Impact Scale.

Questo indice utilizza un algoritmo piuttosto complesso che prende in considerazione diversi parametri, fra cui aspetti sociali ed economici, impatto sui trasporti e fetta di popolazione direttamente interessata dall’episodio. Il risultato, per ciascuna singola bufera di neve, è l’individuazione cinque categorie di “severità” dell’evento sul territorio (in figura il blu scuro indica le regioni in cui la nevicata ha avuto impatto maggiore, in bianco quelle in cui, benché significativi, gli effetti sono stati meno gravosi).

Gli esperti della NOAA hanno così catalogato tutte le grandi nevicate del passato stabilendo anche quali siano state nel complesso le bufere con effetti maggiori sul territorio americano. Per avere un peso significativo la nevicata deve comunque produrre almeno mezzo metro di neve su aree sufficientemente estese e interessare zone densamente popolate.

In base alle analisi dei ricercatori della NOAA quindi negli USA la bufera di neve peggiore del Dopoguerra è stata quella del 12-14 marzo del 1993 (nelle foto): ha interessato gran parte degli stati della costa orientale (con la sola esclusione della Florida), con effetti di categoria 5 (blu scuro), cioè “estreme impact”,  soprattutto in tre stati: Pennsylvania, New York e West Virginia. Nella top cinque a seguire ci sono le bufere del 6-8 gennaio 1996, 2-5 marzo 1960, 15-18 febbraio 2003 e 2-5 febbraio 1961.

E in Italia? Beh, senz’altro ai primi posti troveremmo le storiche (e colossali) nevicate del febbraio 1929, del febbraio 1956, del gennaio 1985 e, ultima in ordine di tempo, del febbraio 2012.

 

 

Fonte Articolo:

ULTIMI ARTICOLI

19 SET
Nella nuova settimana si volterà pagina, la lunga fase settembrina verrà archiviata
19 SET
Vortice mediterraneo porterà intense precipitazioni
Pressione all quota media di 5500m domneivca 23
18 SET
Un ultimo fine settimana con temperature fino a 30 gradi
satellite ore 10.50 di martedì
18 SET
Una perturbazione Nord africana in arrivo martedì 18 settembre
18 SET
Un nuovo studio raddoppia le morti provocate dallo smog
17 SET
Mete turistiche più appetibili dal punto di vista climatico
Radar meteo Protezione Civile ore 16.40
14 SET
Temporali sparsi, temperature per lo più sotto 30 gradi