In pubblicazione il 8 SET 2015

Un uragano sul Sud Italia

Nelle prossime ore sui nostri mari meridionali potrebbe formarsi un TLC, ovvero una tempesta dalle caratteristiche simili a un vero e proprio uragano


Fonte Immagine: EUMETSAT

 

Gli ingredienti necessari ci sono tutti, e nelle prossime ore al di sopra delle caldissime acque dei mari che bagnano il Sud Italia (temperature superficiali attorno a 28-30°C) si potrebbe davvero formare una violenta tempesta con caratteristiche (almeno in parte) tipicamente tropicali: insomma un TLC (Tropical Like Cyclone, letteralmente “quasi un ciclone tropicale”). 

I TLC più intensi, che nel Mediterraneo sono anche noti come Medicane, dall’unione dei termini Mediterranean e Hurricane (cioè “uragano”), sono tempeste solitamente molto violente, accompagnate da piogge torrenziali e venti assai forti, a forza uragano (oltre 118 km/h). Oggi a fare le spese dell'intensa depressione saranno soprattutto la Calabria e la Sicilia, dove il rischio di piogge torrenziali e violente raffiche di vento è maggiore che in altre regioni. 


Nel Mediterraneo i TLC, benché siano piuttosto rari, non sono comunque un evento eccezionale, e nelle annate in cui in autunno le acque del mare sono più calde, come avvenuto ad esempio nel 1996 e nel 2005, se ne può formare anche più d’uno nel corso della medesima stagione.

La frequenza con cui si formano questi fenomeni estremi è in preoccupante aumento e il TLC più violento degli ultimi anni è probabilmente quello che a novembre del 2011 (vedi la foto) ha attraversato il Mediterraneo Occidentale scatenando tra l’altro venti a oltre 140 km/h sulla Costa Azzurra.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
17 NOV
Si prevedono forti nevicate su vaste aree del sud-est asiatico e parte dell'Europa orientale
17 NOV
Una colata fredda in discesa dall’Artico adeguerà l’assetto per le prime nevicate a quote basse
16 NOV
Piogge e rovesci anche intensi sul basso Adriatico e sulle aree ioniche. Generalmente discreto sulle restanti aree, clima più fresco
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo
17 NOV
Eravamo abituati a temperature troppo miti per il periodo
16 NOV
Allagamenti sulla costa nord orientale
16 NOV
E' la 3° eruzione dell'anno | VIDEO