In pubblicazione il 22 GIU 2017

Venerdì e sabato, giornate bollenti

Il cado afoso raggiungerà l'apice tra venerdì e sabato, con punte che sfioreranno i 40 gradi. Poi domenica prima attenuazione del caldo


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

L'intensa ondata di caldo afoso deve ancora dare il peggio di sè: nelle giornate di venerdì e sabato infatti ci attende un ulteriore aumento di temperature e tassi di umidità, con la calura più opprimente al Nord, nelle zone interne del Centro e in Sardegna. In particolare le temperature massime oltrepasseranno quasi dappertutto i 30 gradi, con alcune punte addirittura fino a 37-38 gradi. Quali i capoluoghi più caldi, quelli in cui non si possono escludere valori fino a 37-38 gradi? A soffrire maggiormente per il caldo intenso saranno probabilmente Bologna, Bolzano, Verona e Firenze, ma anche in altre importanti città icome Milano, Perugia e Brescia caldo e l'afa saranno opprimenti, con le massime che raggiungeranno facilmnete i 35-36 gradi.


Quanto durerà ancora questa fase soleggiata e, soprattutto, molto cada? Al Nord è molto probabile che già nelal giornata di domanica, complice una parziale ritirata dell'alta pressione, arrivi una bella rinfrescata: le attuali proiezioni dei modelli infatti dipingono scenari in cui fresche correnti atlantiche faranno irruzione sulle regioni settentrionali accompagnate da numerosi temporali. Il ricambio dell'aria e le piogge dei temporali dovrebbero così favorire un brusco cambio del tempo, con temperature in calo anche di 7-8 gradi in molte località del Nord. C'è però il rischio che tra tanti temporali se ne formino anche alcuni intensi, accompagnati da grandine e nubifragi: in valpadana infatti negli ultimi giorni si sono accumulate anormi quantità di energia e umidità, ovvero il carburante ideale per scatenare intensi temporali.


Al Centrosud invece la domenica si rivelerà ancora in prevalenza soleggiata e molto calda, con temperature stazionarie o solo in lieve flessione. E' però probabile che anche nelle regioni centrali e meridionali con l'inizio della nuova settimana l'alta pressione batta in ritirata dando avvio a un deciso cambaimento del tempo: quindi già tra lunedì e martedì tempo più instabile, con il sole che anche al Centrosud dovrà litigare con nuvole e improvvisi temporali, il tutto condito da un marcato ridimensionamento del caldo.

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

16 GEN
Secondo le proiezioni del 14/15 gennaio neve certa, ma per quelle odierne neve quasi no
16 GEN
Italia a metà strada tra due lobi opposti. Ecco le sorti a breve.
15 GEN
Italia nel mezzo di...due lobi opposti! Vediamo quando e che effetti avrà su di noi.
15 GEN
Le proiezioni a lungo termine suggeriscono la data per il possibile ritorno della neve sulle regioni settentrionali
19 DIC
Quante volte nel passato
18 DIC
Da dove deriva questo noto detto
18 DIC
Forte scossa di terremoto avvertita nella tarda mattina di oggi in Lombardia, con epicentro nella Bergamasca
13 DIC
Autentica devastazione. Una giornata terribile.