In pubblicazione il 26 AGO 2015

Antartide: da IceCube arriva la conferma dei neutrini cosmici

E' da tempo che gli astrofisici danno la caccia a queste particelle che potrebbero aprire una finestra su un universo poco conosciuto


Fonte Immagine: web

 


La scoperta è stata da poco pubblicata sul Physical Review Letters ed è stata possibile grazie al rivelatore di particelle IceCube, sepolto sotto i ghiacci del continente bianco. Dai ghiacci dell'Antartide è arrivata quindi la conferma dell'esistenza di particelle misteriose, i neutrini cosmici, che potrebbero essere generati da fenomeni violenti dell'universo, come le esplosioni di stelle e dai buchi neri. E' da tempo che gli astrofisici danno la caccia a queste particelle che potrebbero aprire una finestra su un universo poco conosciuto. Infatti, grazie al fatto che i neutrini attraversano la materia indisturbati, senza interagire con essa, trasportano intatte le informazioni sulle sorgenti che li hanno generati (in particolare energia e direzione intatta). I ricercatori del consorzio internazionale IceCube Collaboration, con sede nell'università americana del Wisconsin-Madison, hanno rivelato 21 muoni ad alta energia, particelle create nelle rarissime occasioni in cui i neutrini si scontrano con altre particelle. La scoperta, per gli autori, è "un segno inequivocabile" dei neutrini cosmici e una conferma della esistenza di queste particelle rivelate nel 2013 proprio da IceCube. I neutrini sono molto difficili da individuare e sono osservati indirettamente quando entrano in collisione con altre particelle e generano i muoni. Inoltre ci sono diversi tipi di neutrini e bisogna analizzare una mole di dati enorme catturata dal rivelatore IceCube per individuare solo le firme dei neutrini cosmici che hanno un'energia superiore a quella per esempio dai neutrini creati dai raggi cosmici che colpiscono l'atmosfera e piovono sulla Terra. I neutrini cosmici, generati sia nella nostra galassia dalle esplosioni di stelle chiamate supernove sia da sorgenti all'esterno della Via Lattea, come giganteschi buchi neri, sono accelerati a livelli di energia che superano anche di un milione di volte l'energia delle particelle generate dal più grande acceleratore del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc).


Fonte Articolo: La Repubblica

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Diverse parentesi di maltempo in vista, ma non mancheranno anche momenti più stabili con spazi sereni
Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica