In pubblicazione il 28 MAR 2016

Catene montuose alte oltre 3000 metri su Titano, satellite di Saturno

la Nasa ha infatti da poco rilevato un bel trio di creste montuose, le Mithrim Monter, la cui cima più alta arriva a 3.337 metri di altezza


Fonte Immagine: web

 


Per gli alpinisti stanchi delle solite arrampicate, ecco la nuova frontiera: una spedizione su Titano, il più grande satellite di Saturno. Su quel mondo lontano la Nasa ha infatti da poco rilevato un bel trio di creste montuose, le Mithrim Monter, la cui cima più alta arriva a 3.337 metri di altezza. Sopra la Terra con indicate le regioni desertiche, ingrandite nei riquadri, con le immagini radar di morfologie superficiali simili a quelle di Titano La mappatura è stata realizzata grazie al radar di bordo della sonda Cassini, ancora in orbita attorno a Saturno fino al 2017. Spiega Stephen Wall, del team Cassini al Jet Propulsion Laboratory della Nasa: «La cima identificata non è solo la alta della catena, pensiamo sia anche la più elevata di Titano». Le catene più elevate del satellite di Saturno sono tutte vicino all'equatore (una distribuzione che deve ancora trovare una spiegazione) e hanno tutte una quota media attorno ai 3.000 metri. I ricercatori cercano una spiegazione a queste catene montuose perché sono il risultato di eventi geologici relativamente recenti: «Come esploratori, è emozionante veder crescere i dettagli della nostra mappa di Titano. E tutte queste informazioni, interpretate, ci racconteranno molte cose della sua storia geologica», afferma Jani Radebaugh, della Brigham Young University di Provo (Utah). Al momento si pensa che le catene montuose siano il risultato dello scontro di placche di ghiaccio che si muovono le une rispetto alle altre, come succede sulla Terra con le zolle. Il movimento delle placche è alimentato dal grande oceano sottostante la crosta, composto da acqua tenuta in movimento dal calore che arriva dal nucleo. Titano è l'unico satellite del Sistema Solare che presenta laghi e fiumi, e fenomeni atmosferici come venti e piogge, ma ciò che cade dal cielo e riempie vallate e laghi non è acqua, ma idrocarburi, come metano ed etano. La loro forza erosiva però è molto inferiore rispetto agli agenti atmosferici terrestri perché la quantità di energia solare che arriva fino a Titano per alimentare il ciclo degli idrocarburi è inferiore di quella che sulla Terra dà vita al ciclo dell'acqua. Da Focus.it


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo