In pubblicazione il 25 NOV 2018

Gli USA stanno per atterrare su Marte con InSight

L’obiettivo sarà quello di esaminare nel profondo la struttura interna del pianeta


Fonte Immagine: web

 

Gli USA stanno per atterrare nuovamente su Marte dopo 4 anni, era il 2014 con il rover Curiosity, avvenuto nell’agosto 2014.  Sarà InSight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport) ad atterrare su Marte domani sera, ore 21 in Italia: partita lo scorso 5 maggio dalla Base di Vandenberg, la missione NASA tenterà di esaminare nel profondo la struttura interna del pianeta. Anche l'Italia sarà in prima linea tramite il Sardinia Deep Space Antenna: la grande parabola del radiotelescopio Srt situata a San Basilio, in provincia di Cagliari ed entrata a far parte del Deep Space Network nel settembre del 2017, riceverà i dati che Insight invierà agli orbiter marziani duranti le fasi di discesa e atterraggio.


 InSight atterrerà con un particolare paracadute con un sistema di protezione per mitigare l’impatto con la superficie. L'atterraggio sul Pianeta Rosso è infatti molto complicato, solo il 40% delle missioni inviate su Marte sono sopravvissute all'impatto. InSight è inoltre dotato di uno scudo termico abbastanza spesso da poter sopportare una tempesta di sabbia, uno dei fenomeni che più caratterizza l’ambiente di Marte.

La sonda entrerà nell’atmosfera marziana a una velocità di 19.800 km/h e rallenterà fino a 8 km/h prima che le sue tre gambe tocchino il suolo marziano: sarà in ‘servizio’ per 728 giorni terrestri e studierà crosta, mantello e nucleo del Pianeta Rosso.



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

16 DIC
Temporali in arrivo domani al Centro-Sud, in particolare sul basso Tirreno e sostenuta ventilazione in rinforzo
16 DIC
Le perturbazioni atlantiche si alterneranno all’anticiclone. Giornate a tratti soleggiate ma anche fenomeni abbondanti
16 DIC
Prime nevicate in pianura su Piemonte e Lombardia, trasferimento dei fenomeni sulle nord orientali e regioni centrali
14 DIC
Coinvolte anche le regioni occidentali. Fenomeno probabile su Piemonte, Lombardia, Emilia e Veneto
12 DIC
Valori molto bassi anche sull'Appennino centrale
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè