In pubblicazione il 24 LUG 2016

La più grande esplosione solare del 2016 sabato 23

Una CME (Coronal Mass Ejection) molto intensa. Pericolo scampato per un pelo dalla terra. Video


Fonte Immagine: NASA

 

Il 23 luglio, 2016, una nube gigante di materiale infuocato (plasma) fino a un milione di gradi (protoni,  elettroni, nuclei di elio, e ioni di metalli), conosciuta come espulsione di massa coronale, o CME, ha lasciato il sole alla eccezionale velocità  tra 2900 e 4000 km al secondo sotto forma di "vento solare" verso lo spazio interplanetario.

E' stato il più veloce CME mai osservato dalla sonda STEREO, dal suo lancio nel 2006.  "Tra 2900 e 4000 km  al secondo tale CME risulterà uno dei primi cinque più intensi CME mai misurati da qualsiasi veicolo spaziale ", dice lo scienziato solare Alex Young a Goddard.  

L'emissione del velocissimo  vento solare emesso dalla temibile CME, sta viaggiando per fortuna in una direzione a debita distanza di sicurezza dalla Terra, ove altrimenti avrebbe provocato, dopo 36-48 ore, oltre a spettacolari aurore boreali, anche devastanti black-out nel campo delle centrali e delle reti elettriche  e di telecomunicazioni , compresi i nostri cellulari.

L'aspetto ancor più paradossale è che la violenza del sole si manifesti con una CME record proprio nel periodo, che durerà fino al 2020, durante il quale il sole dovrebbe gradualmente avviarsi verso il numero minimo di macchie solari (Sunspot Number), da cui dipende frequenza e intensità delle eruzioni solari, CME comprese.


Video: questo film mostra l'espulsione di massa coronale dal sole dal 22 luglio 2016 alle 22:00 EDT fino alle 2 il 23 luglio, come catturato dal satellite (SOHO) della NASA Credits: NASA / STEREO:

Video QUI

 



Fonte Articolo: http://spaceweather.com/

ULTIMI ARTICOLI

15 FEB
Alta pressione protagonista, aria molto mite sulle Alpi
14 FEB
L’evoluzione in quattro distinte fasi fino al 23 febbraio. Periodo poco dinamico
12 FEB
L’alta pressione guadagna ulteriore spazio sul Mediterraneo
15 FEB
Tendenza meteo fino metà mese, tra poco online
12 FEB
Danni pesantissimi nel Nord del Paese
12 FEB
Mareggiate lungo le coste esposte. Una nuova perturbazione proveniente dall’Europa nord-orientale, giungerà nella giornata di domani