In pubblicazione il 21 GIU 2016

La Sonda NASA "Juno" in dirittura d'arrivo verso Giove

Dopo ben 5 anni di viaggio…


Fonte Immagine: Juno Credit: NASA/JPL-Caltech

 

La sonda "Juno",  lanciata nell'agosto 2011  per indagare la struttura di Giove, la composizione e la storia della formazione, è previsto che entri in orbita del pianeta gigante il 4 luglio.

"Siamo solo ad un paio di settimane per arrivare a Giove,"  ha detto il ricercatore principale di Juno Scott Bolton, del Southwest Research Institute di Boulder, Colorado, durante una conferenza stampa  del 16 giugno. "È stato un grande viaggio, e non vedo l'ora che arrivi."

Figura:  Juno della NASA  Credit: NASA/JPL-Caltech

L'emozione si tinge di ansia, tuttavia. Juno verrà metterà in azione il suo motore principale per 35 minuti la sera del 4 luglio, essenzialmente per rallentare abbastanza fino ad essere catturato dalla gravità di Giove.


Se qualcosa andasse storto durante questa manovra cruciale, la sonda oltre passerà il pianeta gigante verso lo spazio interplanetario.

Se tutto va secondo i piani il 4 luglio, Juno sarà catturata in un'orbita di 53 giorni. Un motore supplementare poi interverrà per conferire alla sonda una orbita ellittica della durata di 14 giorni,  durante la quale Juno passerà  appena a 4.350 chilometri da Giove.

Nel corso di oltre 30 orbite, Juno utilizzerà i suoi strumenti  scientifici per studiare la composizione del pianeta, il campo magnetico e il campo di gravità, tra le altre cose.

 

 



Fonte Articolo: Mike Wall, Space.com Senior Writer su www.space.com
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Diverse parentesi di maltempo in vista, ma non mancheranno anche momenti più stabili con spazi sereni
Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica