Fonte Immagine: 
pininterest.com
Qui troverete tutto quello che vorreste sapere al riguardo

Infatti è il giorno dell'anno nel quale è possibile osservare il cielo attraversato (Luna permettendo) da un alto numero luminosi e veloci oggetti volanti, simili alle stelle.

Il fenomeno in verità si verifica tra la fine di luglio il 12 di agosto. Infatti, in tale lasso di tempo, le Perseidi - così è denominato lo sciame meteorico - incrociano l'orbita terrestre creando una vera e propria pioggia di piccoli meteoriti.

La massima frequenza di stelle cadenti si concentra proprio intorno al 10-12  agosto, con una media di circa cento scie luminose, visibili di notte ad occhio nudo e a tutte le ore.

 La cometa che ha generato questo sciame è stata la Swift-Tuttle, che ha un nucleo che misura circa 10 km e il cui ultimo passaggio al perielio è stato nel 1992, mentre  il prossimo cadrà nel 2126. Le meteore che noi possiamo osservare sono appunto particelle rocciose rilasciate durante le orbite passate della cometa.

 La velocità con le quali impattano l'atmosfera terrestre è di circa 60 km/s. Pertanto i meteoriti nell'attraversare a folle velocità l'atmosfera si surriscaldano per attrito con l'aria, fino ad incendiarsi e quindi diventare visibili.

Le Perseidi sono popolarmente chiamate anche le "Lacrime di San Lorenzo" in quanto in antichità il momento di picco si collocava intorno al 10 agosto, ove si festeggia appunto San Lorenzo,  ma attualmente si è spostato nel corso dei secoli di circa due giorni in avanti.  

Visto che sul cielo comparirà anche la luna che in questi giorni tramonterà intorno alle ore 23.00, l'ora migliore  per l'osservazione è dalle ore 23.00 in poi

 

 

 

Fonte Articolo: 
Col. Mario Giuliacci