In pubblicazione il 14 OTT 2018

Voyager 2, la sonda lanciata 41 anni fa, viaggia verso l’infinito

La sonda sarebbe ormai oltre il raggio di influenza del sole


Fonte Immagine: wikipedia

 

Voyager 2 fu lanciata dalla NASA nel 1977 seguita dopo 3 mesi dalla sonda Voyageur1, allo scopo di riprendere le prime immagini satellitari ravvicinate di Giove. Poi le due sonde hanno proseguito il loro viaggio nello spazio interplanetario solare.  

Voyageur 1ora si trova a 20 anni luce dalla terra ovvero circa 21 miliardi di km e si ritiene che abbia già attraversato l’Eliopausa ovvero l’estremo confine ove cessa l’influenza del sole in termini di raggi e di attrazione gravitazionale 

Voyagetur 2 è rimasto invece un po’ più indietrio: ha percorso quasi 18 miliardi di km pari a 16 anni luce e starebbe anche lui per lasciare l’eliopausa per tuffarsi “là dove l’uomo m non è mia giunto” .


Le batterie di bordo consentiranno alla sonda di inviare i suo Bip-Bip fino al 2025.

Il Voyager Golden Record è un disco registrato placcato in oro contenente immagini e suoni della Terra, che la sonda porta con sé. I contenuti della registrazione furono selezionati da un comitato presieduto da Carl Sagan. Le istruzioni per accedere alle registrazioni sono incise sulla custodia del disco, nel caso «qualcuno lo trovasse».

Voyageur ha suggerito la trama del primo film della serie “Star Treck “. La terra è minacciata da una strana nebulosa aliena che risparmia l’astronave anzi viene così concesso agli umani di entrare nella nebulosa; Debbono però pagare lo scotto di vedere il tenente Ilia dissolta e poi rimaterializzata sotto forma di sondaVoyageur, riprodotta sin nei più minuscoli dettagli- >Il tutto allo scopo di essere utilizzata come portavoce dall'entità aliena, che afferma di chiamarsi "V'ger" e di essere alla ricerca del proprio Creatore. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

19 NOV
Allerta arancione in sette regioni, temporali al centro-sud, nevicate sull’arco alpino e sull’Emilia-Romagna e forti venti su tutta la penisola
19 NOV
Finalmente è arrivata. La classica aria “dal sapore di neve” ha raggiunto il Centro Nord Italiano. Basterà per la neve in pianura?
19 NOV
Ma anche su parte dell’Italia
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo