In pubblicazione il 17 GIU 2015

Aumento del livello dei mari e grandi città

Le simulazioni di un biologo americano mostrano l'allagamento delle grandi metropoli


Fonte Immagine: http://haironfirepeople.blogspot.it

 

Fra le conseguenze del surriscaldamento del Pianeta vi è il graduale innalzamento del livello dei mari: il disgelo dei ghiacciai infatti produce acqua che va a riempire gli oceani, i quali tra l’altro si riscaldano e quindi tendono a “rigonfiarsi” (l’acqua calda occupa un volume maggiore dell’acqua fredda).

Nell’ipotesi che fra qualche secolo il livello dei mari possa salire di alcune decine di metri il biologo americano Andrew Thaler ha simulato l’impatto di tale innalzamento su diverse importanti città sparse su tutto il Globo, e le immagini che ha ottenuto (disponibili al sito http://drownyourtown.tumblr.com/) sono tanto incredibili quanto spaventose.

Simulando un innalzamento dei mari planetari di circa 30 metri infatti la Torre Eiffel si trasformerebbe in un alto faro disperso nei flutti che allagherebbero interi quartieri di Parigi facendo scomparire sotto metri d’acqua anche il celebre viale degli Champs-Elysées.


Un aumento del livello del mare di 25 metri sarebbe più sufficiente per allagare anche tutta Lower Manhattan: del cuore di New York rimarrebbero solo i grattacieli, mentre le sue strade e i suoi negozi scomparirebbero inghiottiti dal mare.  Con lo stesso aumento di livello del mare, 25 metri, anche i londinesi dovrebbero rassegnarsi a girare in barca: finirebbero sott’acqua infatti tutte le strade e i marciapiedi di Londra.

E in Italia? Con mari di 30 metri più alti, si sa, dovremmo dire addio ad alcune importanti città costiere come ad esempio Venezia, ma anche altre importanti località situate nell’interno vedrebbero alterata la loro forma in modo importante: il Tirreno infatti si mangerebbe grosse fette della fascia costiera e arriverebbe a insinuarsi fin tra i palazzi di molte zone di Roma, tanto da allagare anche tutta Piazza San Pietro!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

20 OTT
Una perturbazione proveniente dall’Est Europa causerà un brusco cambiamento dle tempo e il ritorno a condizioni meteo più autunnali
19 OTT
Tra domenica e lunedì un nucleo di aria fredda proveniente dai Balcani scivolerà sulla nostra Penisola e favorirà un sensibile abbassamento delle temperature
Prime rinfrescate in vista per fine mese
18 OTT
Prima le perturbazioni Atlantiche, poi un probabile netto raffreddamento dal Circolo Polare Artico
20 OTT
#Baleari, #Spagna orientale, #Corsica, #Tunisia, senza dimenticare gli eventi occorsi in #Grecia ed infine la #Sicilia
20 OTT
Situazione critica in provincia di Catania
19 OTT
Il Mediterraneo continua ad essere interessato dal maltempo