In pubblicazione il 26 LUG 2015

Ci attendono mesi di clima pazzo per colpa del Pacifico

Due importanti e intense anomalie si sono sviluppate contemporaneamente nella regione del Pacifico e promettono di sconvolgere il clima a scala planetaria


Fonte Immagine: NOAA

 

Il Pacifico Tropicale continua a riscaldarsi e oramai gli esperti della NOAA danno una possibilità superiore al 90% che l’attuale forte episodio di Niño insista almeno fino alla prossima primavera, influenzando profondamente le vicende climatiche dei prossimi mesi e regalando quasi sicuramente al 2015 il primato di anno più caldo di sempre a livello planetario.

Al momento, come mostra l’immagine realizzata dagli analisti americani grazie ai dati raccolti da boe oceaniche e satelliti in orbita, lungo tutta la fascia tropicale le acque superficiali sono sensibilmente più calde del normale (tonalità del rosso) e un’anomalia simile si osserva anche a più alte latitudini: anche la PDO (Pacific Decadal Oscillation), periodica variazione delle temperature del settore orientale del Nord Pacifico, appare infatti nella sua fase “calda”.


La concomitanza di entrambe le anomalie, tra l’altro di forte intensità, molto probabilmente avrà pesanti ripercussioni, in parte difficili da prevedere, sul clima dei prossimi mesi a scala globale. In particolare, anche se gli studi al riguardo sono pochi, per l’Italia ciò potrebbe significare una coda d’estate calda e prolungata, seguita da un autunno piuttosto mite e, soprattutto, piovoso!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

16 GIU
La frequenza osservata in 2 estati “normalmente calde”
14 GIU
L’alta pressione africana attaccherà il Mediterraneo in due fasi. La seconda più debole
anticiclone africano oggi 14 giugno
14 GIU
Caldo…anche sul Monte bianco, La più calda giornata da inizio estate
Temperature massime venerdì 14 giugno
13 GIU
Le temperature nel fine settimana su 32 località.  35-37 gradi su molte regioni
16 GIU
Caldo estivo normale o sono tono sul resto d'Italia
15 GIU
Meno caldo di venerdì 13 al Centronord. Puglia ancora sulla graticola