In pubblicazione il 30 LUG 2018

Clima: dall’1 al 6 agosto, l’ondata di caldo record, la più intensa degli ultimi anni

Proprio in questi giorni ci apprestavamo a vivere nel 2017 l'ondata di caldo più intensa per durata ed entitià mai vissuta nella storia


Fonte Immagine: MeteoFrance

 

I primi 6 giorni del mese di agosto 2017, i più roventi della storia, con temperature superiori ai 40 °C in molte aree di pianura e lungo i fondovalle appenninici del centro nord italiano.  Con particolare riferimento all’Emilia-Romagna, i numeri hanno evidenziato una prima settimana di agosto infuocata che, probabilmente, verrà ricordata a lungo per l’ondata di calore più intensa da quando si effettuano registrazioni.

Caldo eccezionale sotto tutti gli aspetti, dalla durata, all’intensità per finire sull’entità (dei valori massimi e minimi). Il ruggito anticiclonico ha interessato in particolare l’area appenninica per sei giorni circa, da martedì 1 agosto 2017 a domenica 6 agosto 2017

Per tutto l’arco temporale di riferimento, sono state registrate temperature massime oltre i 40 °C (vedi immagine di copertina) in vaste aree del settore centro-orientale, con i massimi assoluti registrati sui rilievi della Romagna. 

L’Arpa dell’Emilia Romagna ci riporta che il giorno peggiore è stato venerdì 4 agosto 2017, in cui a Brisighella (RA) il termometro, intorno alle ore 16, ha toccato i 42,5 °C (media oraria 41,8 e minima della giornata 30,0 °C). Le anomalie settimanali delle temperature massime sono risultate abbondantemente positive, con valori compresi tra +5 °C nella provincia di Piacenza, fino a +10 gradi sui rilievi centro-orientali (in riferimento alle medie degli ultimi 15 anni, già ben più calde dell’ultimo trentennio). 


Infranti tutti i record possibili, anche delle terribili estati del 2012, 2007 e 2003. Anche le temperature minime sono risultate considerevoli, attestandosi sui 30 °C soprattutto nella fascia collinare e nelle città della Romagna. 

Il radiosondaggio del 3 agosto di S. Pietro Capofiume (BO) riporta questi dati:

Persistenza di uno strato molto caldo e secco (20-30% di umidità relativa) nei primi 500 m di atmosfera, nella quale la temperatura è sempre rimasta oltre i 30 °C anche di notte. Fenomeni d’inversione hanno determinato temperature localmente più alte in montagna e in collina rispetto alla pianura, soprattutto nella fase iniziale dell’onda di calore.

Infine, anche in alta quota sono stati registrati valori estremi, ad esempio la stazione meteo di Lago Scaffaiolo (1794 m slm, in provincia di Modena) ha registrato il 3 agosto 2017 una temperatura massima record di 24,5 °C.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

13 DIC
Ultime novità dai modelli. Prevista neve su Emilia Romagna, Veneto e Lombardia
13 DIC
Aria fredda sul centro nord in contrasto con quella umida in arrivo con le perturbazioni Atlantiche
12 DIC
Diverse perturbazioni atlantiche in vista. Arriveranno anche nevicate sino in pianura
12 DIC
Valori molto bassi anche sull'Appennino centrale
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè
7 DIC
Le temperature massime registrate oggi nella nostra Penisola
7 DIC
In Emilia Romagna divieto ai veicoli diesel in tutte le città