In pubblicazione il 27 GEN 2018

Clima inverno in Italia: come è cambiata la temperatura nelgi ultimi 50 anni

Articolo tratto dalla Rivista di Meteorologia Aeronautica n° 3 del 2017


Fonte Immagine: shutterstock_179467511

 

Questo articolo è una sintesi di una interessante analisi climatica  pubblicata sulla Rivista di Meteorologia Aeronautica  n.3 del 2017 (vedi QUI )

Nell'analisi in oggetto vengono esaminati alcuni indici climatici riferiti alle  zone termo-pluviometriche omogenee dell’Italia.

La ricerca è stata elaborata da: Cap. Filippo Maimone, Dott. Antonio Di Ianni 2, T.Col. Fabrizio Ciciulla

Qui noi abbiamo estratto  e sintetizzato solo la parte relativa al trend della temperatura invernale

Il calcolo è stato effettuato su base stagionale e i risultati sono stati raccolti e discussi per stagione, indice e zona omogenea. E’ stato evidenziato, in diversi casi, un segnale amplificato di trend rispetto alle analisi più tradizionali sulle serie storiche, con una tendenza più diffusa al riscaldamento e tendenze spazialmente meno coerenti degli indici associati alla precipitazione.

Attraverso la metodica della "Cluster Analisys" è stato possibile classificare  i dati osservati dal 1970 al 2012 nelle seganti 8 aree omogenee dal punto di vista della  temperatura invernale (Fig.1)

 

1. Pianura Padana occidentale;

2. Pianura Padana centro-orientale;

3. Settore alpino (escluse le Alpi Giulie);


4. Settore prealpino, Liguria, Basso Piemonte ed Appennino Emiliano;

5. Sicilia;

6. Regioni meridionali, Molise, Basso Lazio, Abruzzo, Marche meridionali;

7. Regioni centrali;

8. Sardegna.

 

Ecco i risultati emersi dall'analisi

 

  • Per quanto riguarda la temperatura minima giornaliera Tn (Fig. 2 ), si può vedere come vi siano dei cluster in cui il trend dell’anomalia è nettamente positivo: +2.5 °C su Pianura Padana Occidentale, +1.5 °C in Sicilia, +1.8 °C su Regioni meridionali, Molise, Basso Lazio, Abruzzo, Marche meridionali), mentre negli altri Cluster la temperatura è rimasta più o meno invariata
  • Passando all’indice number of frostdays (fig.3) possiamo osservare che  un trend  negativo

lo si riscontra nel cluster numero 1 (Pianura Padana occidentale), mentre sulle altre zone il trend è sostanzialmente nullo.

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

21 MAR
L'area depressionaria afromediterranea continuerà a portare instabilità sui settori meridionali
21 MAR
Temperature in netto aumento per l'estensione dell'Alta delle Azzorre sul Mediterraneo. Cambia a metà della prossima settimana
20 MAR
Mareggiate lungo le coste esposte. Avviso di condizioni meteo avverse del 20 marzo
20 MAR
Mite entro il weekend su quasi tutta la Penisola
20 MAR
Spunta il sole sull'Europa e la linea dell'ombra è bella dritta dal Polo all'Equatore: foto scattata dal satellite
20 MAR
Nel riminese migliaia di pesci morti
20 MAR
E' oggi il giorno dell'Equinozio