In pubblicazione il 16 LUG 2018

Clima: singolare anomalia nelle acque del nord Atlantico, torna il Blob

Probabili ripercussioni sull’andamento del prossimo inverno sull’Europa

Raffreddamento anomalo dell'Atlantico nei pressi della Groenlandia
Raffreddamento anomalo dell'Atlantico nei pressi della Groenlandia
Fonte Immagine: NOAA

 

Per intenderci, i meteorologici e climatologi definiscono il Blob una sostanziale anomalia di una vasta porzione dell'Atlantico nordoccidentale, con valori termici particolarmente freddi delle acque rispetto alle medie del periodo. 

Ma quali sono le cause di questo raffreddamento? Una corrente calda in risalita dei settori subtropicali meno vigorosa del solito? Un versamento di acqua più fredda causata dallo scioglimento anomalo dei ghiacci della Groenlandia? O ancora peggio un connubio tra la maggior presenza di acqua dolce più fredda e una corrente del golfo non troppo attiva?

Così, dopo alcuni mesi (circa un anno) di totale assenza, si ritorna a misurare anomalie termiche oceaniche in quella zona. Già qualche anno fa, in particolare nel corso del 2015, si esaminavano i possibili effetti di questi singolari raffreddamenti delle acque, ipotizzando un inverno - a venire - particolarmente intenso e crudo sulla placca continentale europea. 


Al termine dei giochi non si è però vissuto nulla di così eclatante, anche forse per un ritorno entro le medie poco tempo dopo, ma il raffreddamento di questo 2018 dell'Atlantico sembra più esteso e più forte in termini di temperature e di durata. 

Dall’altro lato la lunga presenza dell’alta pressione sull’Europa occidentale, tra l’Inghilterra e la penisola scandinava, ha invece “scaldato” in maniera anomala le acque dell’Atlantico centro-settentrionale. Un assetto che ha portato giornate decisamente calde e particolarmente siccitose in aree ove normalmente la pioggia non manca ed una situazione più piacevole sull’areale del Mediterraneo centrale con brevissime fasi africane intervallate da un costante refrigerio.

Il fenomeno del Blob sul nord Atlantico è inoltre responsabile delle crude ondate di maltempo che stanno colpendo la Francia e diversi stati dell'Europa mediterranea, bloccando appunto l’espansione verso nord dell’alta pressione subtropicale che rimane al momento bloccata nel cuore del’Algeria, come approfondito in questo articolo, apportando temperature record oltre i 50°C. 



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

18 MAG
L’alta pressione proverà a raggiungere la Penisola, ma il caldo intenso resterà ben lontano
18 MAG
Tra il 22 ed 24 maggio temperature in aumento, ma 40 gradi assolutamente no!
16 MAG
Nuovi fenomeni anche a sfondo temporalesco in estensione dai quadranti nord occidentali. Temperature in aumento al Sud
Temperature previste a 1500m dai più noti modelli
16 MAG
Mai  raggiunti in Italia 40 gradi in maggio
18 MAG
Piogge su gran parte del Centronord
17 MAG
12°C a Catania e 60 mm di pioggia
15 MAG
Lazio, Campania, basso Tirreno  a rischio forti temporali